La Corsica è molto più piccola sia della Sardegna sia della Sicilia, ma nonostante ciò dà quasi l’impressione di essere un continente in miniatura in quanto s’innalza, praticamente, all’improvviso dal mare con le sue montagne, golfi, cale e i suoi fiumi hanno sempre concorso a darle quell’idea di selvaggio.

L’isola si divide in due zone, è questa divisione è ben chiara grazie alla linea delle montagne che la dividono verticalmente in due, una parte quella più alta con Bastia e quella più bassa con Ajaccio.

Una particolarità l’isola è stata definita dagli inglesi “scented island” ossia l’isola profumata e per una volta sono d’accordo con Napoleone che affermo di non aver mai più trovato niente che profumasse come la Corsica.

Quando è consigliabile andarci? Se vuoi vedere l’esplosione di colori dovuta alla “nascita” della natura il periodo migliore è sicuramente la primavera se, invece, vuoi visitarla in tutta tranquillità senza l’assalto del turismo di massa e ancora prima che esploda il caldo l’ideale è giugno.  In alternativa un discreto periodo è anche da settembreottobre perché il clima d’autunno è ancora mite e ideale per passeggiate e bagni in mare.

Come raggiungere l’isola? E’ ben collegata alla terra ferma con dei ferryboats che fanno “avanti / indietro” con regolarità. I porti turistici sono, solo per citarne qualcuno, Bastia, Calvi, Ajaccio. Inoltre è possibile arrivarci in aeroporto (Ajaccio,Bastia, Calvi).

Se è la prima volta che visitate questa bellissima isola, ecco 10 cose da vedere assolutamente!

1. Parco Naturale di Scandola

Parco Naturale di Scandola
foto via Canva PRO

Il parco naturale regionale di Scandola copre una superficie di circa 150.000 ettari ed è, circa, un quinto dell’intera isola. E’ stato creato nel 1972 ed ha una parte a mare che si trova a nord est (il Golfo di Porto e Girolata) ma anche un’altra montana. 

2. Ajaccio

Ajaccio, Corsica
Ajaccio, fot via Canva PRO

Ajaccio o città imperiale è anche una rinomata stazione balneare. Merita sicuramente una visita la casa di Napoleone dove sono conservati tuttora i suoi mobili, foto di famiglia e svariati suoi oggetti. Altresì qui c’è il “Museo Fesch” con la collezione omonima del cardinale che era zio di Bonaparte. Infine nel nostro tour non può mancare una visita alla cattedrale di Notre Dame de la Misericorde dove Napoleone è stato battezzato.

3. Calvi

Calvi, Corsica
Calvi, Corsica, foto via Canca PRO

Calvi è considerata come una delle città più importanti dell’isola per il turismo perché ha delle spiaggge molto belle che sono attorniate da una magnifica pineta.  Covid permettendo “Il Calvi Jazz Festival” è uno degli appuntamenti più importanti dell’estate che si svolge proprio qui

4. Bastia

Bastia
Bastia, Corsica, Foto via Canva PRO

Bastia per lo più ha una tradizione militare e commerciale seppur abbia un porto moderno e al servizio anche del turismo. La cittadella di origine genovese domina, invece, il porto Vecchio.

5. Corte

Corte, Corsica
Corte, Corsica, foto via Canva PRO

Corte è stata la capitale nel perioodo di Pascal Paoli (è stato un politico e militare corso). Attualmente qui si trova l’università dell’Isola.

6. Porto

Porto, Corsica
Foto via Canva PRO

Porto grazie alla sua meravigliosa fauna e flora questa cittadina è stata inserita nel patrimonio naturale dell’Umanità dell’Unesco. Porto è il punto di partenza ideale per una visita alle insenature con le loro scogliere di granito rosso che si trovano a picco sul mare.

7. Sartene

Sartene
Sartene. Foto via Canva PRO

Sartene è stata fondata anch’essa dai genovesi all’inizio del XVI secolo. Nei vecchi quartieri le case sono attaccate le une alle altre grazie a degli archi e sono saparate solo da strettisimi vicoletti

8. Porto Vecchio

Porto Vecchio
Porto Vecchio. Foto via Canva PRO

Porto Vecchio al giorno d’oggi è un rinomato centro turistico. Fondata anch’essa dai genovesi. Merita di essere visitata la spiaggia di Palombaggia.

9. Bonifacio

Bonifacio
Bonifacio, Corsica. Foto via Canva PRO

Bonifacio si trava a sud dell’Isola. La cittadina si trova su una roccia che domina lo stretto che la separa dalla Sardegna. Il borgo è tuttora protetto dalle mura al cui interno troviamo la chiesa di San Domenico e la Chiesa di Santa Maria Maggiore

10. Filitosa

Filitosa, Corsica
Filitosa, Corsica. Foto via Canva PRO

Qui possiamo ammirare dei dolmen e dei menhirs che risalgono all’epoca nolitica. Questo sito megalitico è il più importante dell’isola e la scoperta delle prime statue è relativamente recente in quanto risale al 1946.

Tra storia e natura, mare e montagna, la Corsica saprà certamente sorprendervi!


Autore: Monica Palazzi

Amo molto viaggiare (Covid e lavoro permettendo)... Sono diplomata come perito turistico e conosco bene l’inglese, il francese, il tedesco e un giorno vorrei imparare anche lo spagnolo. Adoro sia leggere (in modo particolare i cosiddetti libri gialli) sia scrivere. Mi piace molto cucinare e i miei piatti “forti” sono il risotto, in tutte le sue forme, e i dolci come la torta sia la paradiso sia la marmorizzata. Stravedo per gli animali soprattutto i cani.
Altri articoli di Monica Palazzi →


Questo articolo è stato pubblicato il itinerari. Ecco il permalink.