Nel corso di millenni, l’incessante scorrere dell’acqua del fiume Candigliano ha creato uno spettacolo di rara bellezza: siamo nelle Marche, davanti alla Gola del Furlo. Si tratta di un meraviglioso e imperdibile canyon.

La Gola del Furlo si trova lungo l’originale tracciato della Via Flaminia, tra il Monte Pietralata e il monte Paganuccio. Lo spettacolo dato dalle alti pareti rocciose, dall’acqua limpida che le attraversa è davvero unico; ma tutto il territorio regala paesaggi incantevoli e habitat di notevole interesse. Proprio per questo, nel 2001, è stata istituita la Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo. Oggi andiamo alla scoperta dei suoi 3907 ettari, fatti di fitti boschi e luoghi incontaminati.

Cosa vedere nella Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo

Riserva Naturale Statale Gola del Furlo
Foto via Canva Pro

Il modo migliore per scoprire questo meraviglioso territorio è lentamente, camminando attraverso i numerosi sentieri che si snodano al suo interno. Passeggiando tra le pareti della Gola, possiamo ammirare la ricca fauna del luogo, avvistando aquile reali, falchi pellegrini, lupi, cinghiali e daini.

Nel punto più stretto della gola l’imperatore Vespasiano fece costruire una galleria. Era il 76 e ancora oggi la strada è percorribile sia a piedi che in auto. Poco distante possiamo visitare l’Abbazia di San Vincenzo, o raggiungere le Marmitte dei Giganti per provare il kayak!

La Gola del Furlo, una riserva accessibile a tutti

La Gola formata dal fiume Candigliano
Foto via Canva Pro

Bellezza, ma non solo: ciò che contraddistingue la Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo è anche l’attenzione alle esigenze di ogni viaggiatore. Il territorio offre infatti esperienze accessibili e fruibili da tutti. È a disposizione la Joelette, una speciale carrozzella da fuori-strada attraverso la quale i disabili motori più o meno gravi possono fruire di ambienti di montagna unici.

Dove dormire green

Soggiorno green nelle Marche

Le tre strutture che ti consigliamo per il tuo soggiorno alla scoperta della Gola del Furlo sono immerse nella natura delle Marche ed eco-friendly. L’agriturismo Girlomoni offre una piscina salata e un ristorante biologico ed è anche Molino e Pastificio; la Country House Valle del Metauro è la scelta ideale per chi vuole un appartamentino indipendente con prima colazione e uso biciclette; Villa Rosa è un agriturismo biologico che offre anche la possibilità di partecipare alla ricerca del tartufo bianco.

Raccontaci la tua esperienza!


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 28 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il weekend green ed etichettato , , , , . Ecco il permalink.