Fare escursioni è senza dubbio un’attività molto divertente. Sentirsi parte della natura che ci circonda mentre si beneficia degli effetti dell’esercizio fisico: cosa c’è di meglio? Indipendentemente da dove ti trovi a camminare, comportati in maniera rispettosa nei confronti della natura. Quando fai trekking dovresti rispettare l’ambiente non solo per non esporti a pericoli inutili, ma anche per proteggere le bellezze naturali che ti circondano e assicurarti che rimangano lì, incontaminate, per le generazioni di escursionisti future.

Ecco cinque consigli per rispettare l’ambiente che ti circonda durante un’escursione:

Porta da casa tutto ciò che ti serve per le escursioni (e riportalo con te al ritorno)

C’è qualcosa di romantico nella vita a contatto con la natura e il tuo impatto ambientale può essere minore se porti con te tutto ciò di cui hai bisogno per l’escursionismo e, naturalmente, porti i tuoi rifiuti a casa con te dopo. I rifiuti di plastica sono pericolosi per l’ambiente, in particolare per la fauna. Ad esempio, dopo che sei andato “in bagno” nella natura, usa della carta biodegradabile e seppellisci il tutto. Se fumi, assicurati di portare con te i mozziconi di sigaretta, perché oltre a sporcare e inquinare rappresentano un grave pericolo di incendio.

zaino da escursionismo
Photo by Josiah Weiss on Unsplash

Segui i percorsi indicati

Seguire i sentieri contrassegnati durante le escursioni è vitale per due motivi molto importanti. Il primo è la sicurezza, perché non appena ci si discosta da percorsi stabiliti, non ci sono garanzie e la propria sicurezza può venire a mancare. Il secondo motivo è che camminare al di fuori del sentiero può danneggiare gravemente felci e piante che crescono lungo il percorso. Il pericolo è che altri lo seguano, e in breve tempo quella flora venga irreparabilmente danneggiata. Pensa che le tue azioni riecheggeranno nel tempo e influenzeranno le generazioni future.

sentiero di montagna
Photo by Lili Popper on Unsplash

Fai attenzione agli incendi

Negli ultimi anni si sono verificati incendi boschivi devastanti e gli escursionisti devono fare la loro parte per garantire che questi eventi terribili non si verifichino. Non possiamo fare nulla se l’incendio di un bosco deriva da un fulmine, ma se decidi di fare un falò, devi farlo responsabilmente in un’area aperta e non devi andartene via mai prima che il fuoco non sia spento completamente. L’attenzione deve essere massima, poiché anche un fuoco che sembra spento potrebbe avere delle braci che rappresentano ancora un enorme pericolo di incendio. Spegni il fuoco con dell’acqua e assicurati che non ci sia nulla intorno che possa facilmente prendere fuoco. Se c’è vento, sii doppiamente più cauto.

escursione nella natura
Photo by Holly Mandarich on Unsplash

Rispetta la fauna selvatica

Avvicinarsi alla natura e incontrare animali selvatici è una delle gioie delle escursioni, ma devi essere sempre rispettoso e lasciare agli animali il loro spazio. Non toccare gli animali che incontri, sopratutto se sono cuccioli, perché potrebbero esserci conseguenze alle tue azioni. Osserva da lontano, scatta una foto (facendo attenzione a non spaventare gli animali) e poi vai avanti, lasciando sempre tutto come l’hai trovato. È molto importante non toccare cuccioli che ci sembrano abbandonati, il più delle volte la madre è nelle vicinanze e potrebbe non ritrovare più il figlio.

fotografare la natura
photo via unsplash

Pensa locale

Quando si tratta di dormire fuori durante le tue escursioni scegli organizzazioni che operano in modo ecologico e strutture ricettive rispettose dell’ambiente. Sostenere l’economia locale, anche durante le escursioni è un aspetto fondamentale. Per fortuna, c’è una crescente consapevolezza di quanto sia importante preservare le bellezze naturali del territorio, e si è presa coscienza che rispettare e proteggere l’ambiente locale è un dovere di tutti.

Sagna rotonda, ospitalità ecologica in valle maira
Sagna Rotonda, una struttura a basso impatto ambientale in Valle Maira, Alpi italiane

Autore: Giulia Fasano

Ciao, sono Giulia, ho 29 anni e studio Biodiversità ed evoluzione all’Università di Bologna. Mi piace molto viaggiare anche se ho poco tempo per farlo, ma quando riesco a partire mi piace andare alla ricerca dei posti più strani e particolari della mia meta. Per me la biologia non è solo una materia da studiare, ma una vera e propria passione che sento di dover trasmettere a chiunque sia disposto ad ascoltarmi.
Altri articoli di Giulia Fasano →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità, vivere e viaggiare verde ed etichettato , , , . Ecco il permalink.