Se il turismo è importante per l’economia indonesiana, la soluzione dei problemi ambientali è davvero una sfida per l’isola di Bali.

Il variegato paesaggio di fiumi e vulcani, la flora e la fauna peculiari rendono l’isola di Bali una destinazione speciale per favolose avventure. L’isola è circondata da spiagge meravigliose per il surf, lo snorkeling o anche solo per godersi i tramonti sempre affascinanti. O sarà l’incantevole cultura locale ad attirare milioni di turisti sull’isola ogni anno? Ad ogni modo, l’industria del turismo sta facendo muovere l’economia indonesiana, ma risolvere le problematiche ambientali che si presentano a causa dell’enorme flusso di turisti si rivela una sfida.

Il problema ambientale di Bali

In passato, sempre più persone hanno scoperto ciò che Bali ha davvero tante cose meravigliose da offrire, e in poco tempo è diventata una destinazione turistica molto richiesta. Sei milioni di turisti visitano l’isola ogni anno, 2 milioni stranieri, ma più della metà provengono dalle isole indonesiane circostanti.

L’enorme numero di visitatori mette a dura prova le scorte di cibo, le riserve d’acqua e l’energia dell’isola fino ai suoi limiti.

I piccoli villaggi tranquilli sulla spiaggia si stanno trasformando in aree sovraffollate e lo sviluppo di nuovi resort e hotel mette in pericolo l’approvvigionamento idrico dell’agricoltura tradizionale, che una volta era in grado di soddisfare le richieste della popolazione locale.

La rete stradale sta diventando il fulcro del traffico – e di conseguenza dell’inquinamento – a causa dei centinaia di SUV a trazione integrale in cui la maggior parte dei turisti viene trasportata.

Il problema della plastica

Bottiglia di plastica nell'oceano
Bottiglia di plastica nell’oceano, Gili Islands, Indonesia. Autore: Brian Yurasits; Fonte: Unsplash

Tuttavia, il dato più preoccupante è la quantità di plastica che viene prodotta in tutta l’Indonesia. Il paese è attualmente tra i primi 5 stati in cui lo smaltimento dei rifiuti è il più mal gestito. Senza adeguati sistemi di riciclaggio dei rifiuti, la spazzatura di Bali e delle isole circostanti finisce nella natura. EcoBali è attualmente l’unico fornitore di servizi per la gestione responsabile dei rifiuti sull’isola. L’obiettivo di EcoBali è raggiungere il completo riutilizzo dei rifiuti.

L’anno scorso, un subacqueo, Rich Horner ha pubblicato un suo video sconvolgente che aveva girato nuotando tra le tonnellate di rifiuti di plastica a Manta Point, a soli 20 km dalla costa di Bali. Il video ci fa scoprire una corrente che accumula immondizia in quel punto della costa. Altri sub hanno riferito che l’area era pulita il giorno prima e dopo la registrazione del filmato, e che di solito è una costa ben conservata. Questo dimostra che l’attuale corrente indonesiana, che collega il Pacifico e l’Oceano Indiano, raccoglie la maggior parte dei rifiuti che viene prodotta in Indonesia li trasferisce rapidamente in acque libere.

La soluzione per l’isola di Bali

Il governo sta cercando di adottare misure per un turismo sostenibile, ma non c’è ancora un progetto chiaro e preciso. Le pulizie della spiaggia vengono disposte dal governo e hanno anche introdotto tasse per i sacchetti di plastica nei negozi. Tuttavia, le autorità devono bilanciare l’economia con l’interesse ambientale.

Gli esperti ambientali dell’Università di Udayana di Bali stanno cercando di spargere la voce su quanto sarebbe importante implementare pratiche sostenibili in agricoltura e nel turismo. L’obiettivo sarebbe quello di avere una visione globale della situazione del turismo nel paese, così che si possa elaborare un piano per il mutuo sostegno dei membri delle diverse industrie, come l’agricoltura, il turismo e i fornitori di servizi. Green School Bali, invece, si impegna a educare i bambini e le loro famiglie ad essere la prossima generazione di leader verdi e diffondere l’idea di sostenibilità sull’isola.

contadino delle risaie
Contadino che torna dalle risaie, Ubud, Bali. Autore: Radoslav Bali; Fonte: Unsplash

Cosa possiamo fare?

Una gran parte delle 150 tonnellate di rifiuti che viene prodotta a Bali al giorno proviene dal turismo. Fortunatamente, i fornitori di servizi, come ristoranti, caffetterie e alloggi in tutta Bali, hanno riconosciuto la crescente tendenza degli ospiti a privilegiare luoghi sostenibili rispetto a quelli che lavorano ancora plastica e materiali usa e getta. Bambù, cannucce di rame, carta riutilizzata e sacchetti di lattice sono sempre più comuni.

Come può incidere il viaggiatore eco-sostenibile sulla sfida ambientale di Bali?

Pedalate in spiaggia, Bali. Autore: Photoo; Fonte: Pixabay

Anche i singoli turisti possono fare la differenza, semplicemente scegliendo strutture ecosostenibili e prediligendo opzioni a basso impatto ambientale. Ecco alcune piccole azioni per fare la differenza:

  • Scegli il giusto tipo di alloggio: nell’effettuare la scelta dai la priorità agli alloggi che dispongono di sistemi di gestione dei rifiuti, che facciano una selezione locale e periodica di alimenti e utilizzino energia green. Un’opzione valida sono anche i soggiorni in famiglia: sono un modo perfetto per conoscere la cultura locale.
  • Utilizza la tua bottiglia d’acqua: può sembrare una piccola cosa, ma visto che a Bali non è possibile bere l’acqua del rubinetto, è una buona idea portare la tua bottiglia d’acqua e riempirla in uno dei tanti serbatoi di acqua distillata, invece che acquistare ogni volta acqua in bottiglia.
  • Fai attenzione al tuo utilizzo dell’acqua: il 65% delle acque disponibili sull’isola viene convogliata verso i resort e le ville. Questo lascia i fiumi e i bacini idrici asciutti e gli agricoltori nella disperazione. Fai la doccia anziché il bagno, e se possibile riutilizza più volte gli asciugamani.
  • Visita consapevole: mentre ti muovi e visita la città, prova a cercare servizi certificatida Village Ecotourism Network (VEN) o Jaringan Ekowisata Desa (JED). Questi sono i gruppi ufficiali formati per proteggere gli ecosistemi di Bali, pur continuando a far crescere il commercio e il turismo. Le organizzazioni mirano a ridurre al minimo l’impatto ambientale del turismo, sensibilizzando e fornendo sostegno finanziario diretto a progetti di conservazione. Tuttavia, solo perché un tour non è riconosciuto dai gruppi, ciò non significa che non possa essere ecologico. I tour a impatto zero sono i migliori o, se ti senti avventuroso, puoi facilmente noleggiare uno scooter e girare l’isola da solo, invece di guidare in auto.
performance di una danza balinese
Donne che eseguono una danza tradizionale balinese. Autore: Innokurnia; Fonte: Pixabay

Fortunatamente sempre più persone riconoscono il bisogno di agire e diffondere la consapevolezza per preservare l’unicità di Bali. Essendo un ecoviaggiatore, potresti anche supportare e utilizzare queste iniziative e servizi. Abbiamo raccolto per te 10 idee di itinerari che ti consentono di conoscere la vera Bali mentre ti godi tutto ciò che ha da offrire in modo sostenibile. Dai un’occhiata qui!

Immagine di copertina: Coltivazioni di riso, Bali. Autore: Sasint; Fonte: Pixabay


Autore: Giulia Fasano

Ciao, sono Giulia, ho 29 anni e studio Biodiversità ed evoluzione all’Università di Bologna. Mi piace molto viaggiare anche se ho poco tempo per farlo, ma quando riesco a partire mi piace andare alla ricerca dei posti più strani e particolari della mia meta. Per me la biologia non è solo una materia da studiare, ma una vera e propria passione che sento di dover trasmettere a chiunque sia disposto ad ascoltarmi.
Altri articoli di Giulia Fasano →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità, vivere e viaggiare verde ed etichettato , , , . Ecco il permalink.