Antiche miniere e cascate mozzafiato, masi in legno e sentieri baciati dal sole, partiamo alla scoperta della Valle Aurina e di Predoi, un paradiso tra le Alpi dell’Alto Adige, il punto più a nord della nostra penisola.

Quando arriviamo in Valle Aurina, i colori delle montagne, illuminate dagli ultimi caldi raggi di sole, e il silenzio irreale, interrotto solo dallo scampanellio delle mucche al pascolo, ci danno il benvenuto.

Da qui solo pochi chilometri di sentieri ci separano l’Austria. Tutt’attorno boschi verdi, prati foriti e picchi innevati. Basta il primo sguardo per innamorarsi di questo luogo semplice e autentico. Un weekend è poco per assaporarlo e rimane tanta voglia di tornarci.

Ecco 7 ottimi motivi per scoprire la Valle Aurina (e per ritornare a visitarla!):

1 – 7 ore di Sentiero del Sole da percorrere a piedi

Valle Aurina
Valle Aurina percorrendo uno dei sentieri del sole: in lontananza le cime innevate, i boschi e le piste ciclablili, in primo piano un’opera d’arte in legno che attira l’attenzione dei bambini

Questa è la Montagna Casa ci spiega la nostra guida che abita in valle Aurina da sempre.  Percorriamo a piedi i sentieri del sole, attraverso boschi incantati e prati in fioritura. Partiamo dal fondovalle per salire lentamente fino ad arrivare alle antiche malghe in pietra e legno.

Qui tutto sembra fermo come un tempo: ascoltiamo lo scampanellio degli animali al pascolo, i profumi della montagna, e rimaniamo incantati dai panorami mozzafiato.

La guida ci spiega che il sentiero del sole (Sunnsatweg) che si sviluppa sulla parte soleggiata delle Alpi dello Zillertal tra i 1.000 e i 1.300 metri di altitudine può essere percorso per 30 km e 7 ore di cammino (qui trovate la mappa del sentiero che può essere scoperto in più tappe), collegando antichi masi in legno e pietra.

Un tempo tutte queste malghe erano abitate, e la montagna era la ‘casa’ di molte persone. I sentieri che stiamo attraversando erano percorsi ogni giorno dai bambini per andare a scuola.

Oggi i percorsi sono splendidi itinerari di trekking, e le malghe sono state accuratamente recuperate per creare occasioni di turismo sostenibile e riportare la vita sulla montagna.

2 – 15 Masi dove ti sembra di viaggiare nel tempo

Antica abitazione in pietra e legno in Valle Aurina, Alto Adige
Antica abitazione in pietra e legno in Valle Aurina, foto di Silvia Ombellini

Puoi fermarti in Malga per assaggiare uno squisito pranzo tirolese a base di prodotti tipici e a km zero. Oppure andarci con i bambini per conoscere da vicino gli animali della fattoria e farli divertire negli originali spazi gioco all’aperto mentre gli adulti si godono un po’ di relax.

Altre malghe hanno ripreso vita con l’allevamento e la produzione di squisiti formaggi biologici, grazie a giovani contadini pieni di talento ed entusiasmo.

La cosa che più mi ha colpito è la cura con cui i 15 masi che si trovano sui sentieri della Valle Aurina sono conservati e mantenuti in vita, il loro rapporto con il contesto, l’equilibrio perfetto tra tradizione e vita contemporanea. Piccoli dettagli ti riportano alla vita di una volta: un’antica slitta in legno, un vitellino che bruca l’erba davanti al maso, gli attrezzi agricoli della tradizione, un gioco ecologico ideato e costruito per far divertire i bambini.

3 – 60 capre dolcissime da cui nascono i formaggi bio di Heidi

Valle Aurina, qui puoi assaggiare e comprare ottimi formaggi biologici di capra
Helmut con i formaggi biologici, foto di Silvia Ombellini

Da bambino assomigliava a Peter, quello di Heidi, e aveva una gran passione per la vita di montagna. Helmut Großgasteiger ha una trentina d’anni e dal 2006 ha intrapreso una produzione biologica di formaggi di capra, allevando 60 capre di razza nobile tedesca con l’aiuto dei suoi genitori.

Con la luce negli occhi e il sorriso di chi ama davvero il suo lavoro ci accoglie a maso Kleinstahlhof, raccontandoci il progetto della sua vita. Siamo a quota 1225, sopra a San Giovanni in Valle Aurina. Qui un tempo si allevavano le mucche, poi nel 20o6 sono arrivate le 60 capre di razza nobile tedesca, con il cui latte Helmut produce un formaggio unico, ispirato alla storia di Heidi.

Le capre bianche brucano liberamente le erbe selvatiche della montagna e adorano farsi accarezzare dai turisti, sopratutto dai bambini! Il formaggio si chiama “Heidi, Peter e Schnucki” in onore del famosissimo romanzo di Johanna Spyri (www.kleinstahl.com).

4 – 10 metri di Cascate che regalano l’arcobaleno

Valle Aurina, Cascate Schwarzbach (Rio Nero),
Valle Aurina, Cascate Schwarzbach (Rio Nero), foto di Silvia Ombellini

Ci deve essere una connessione tra acqua e felicità, come sostiene Wallace Nichols nel suo ultimo libro Blue Minds. Continuo a pensarlo ripercorrendo questo facile itinerario immerso nel verde della Valle Aurina che ci porta alla scoperta delle bellissime Cascate Schwarzbach (Rio Nero).

Un Ruscelletto d’acqua freschissima scorre a fianco dei nostri piedi, anticipando l’arrivo alla cascata ed accompagnando il nostro passo con il suo scroscio leggero. I bimbi non possono resistere alla tentazione di immergere mani e piedi nell’acqua ghiacciata.

Dopo pochi minuti si apre davanti a noi uno spettacolo naturale che riesce a zittire anche i ragazzi più chiassosi. Di colpo siamo tutti assorti ad osservare il salto d’acqua altissimo che ci avvolge con il suo rumore sordo.

In fondo alla cascata ci aspetta un regalo: un bellissimo arcobaleno da osservare e fotografare!

5 – 2 km di viaggio al centro della terra nella Miniera di Pedroi

Minera di Predoi, Valle Aurina

Un viaggio al centro della terra più avvincente di un romanzo di Jules Verne, e un’avventura che riesce a tenere tutti con il fiato sospeso. Partiamo a bordo di un piccolo trenino giallo, dopo aver indossato caschetti e giacche impermeabili. La discesa dura circa 1 quarto d’ora, in una galleria incredibilmente stretta, buia e profonda.

Arrivati nel cuore dell’antica miniera in rame di Predoi, camminando nella penombra delle gallerie scopriamo la storia dei minatori in un suggestivo museo sotterraneo. Incredibile pensare che pochi secoli fa in questi angusti cunicoli lavorassero centinaia di uomini. La guida che ci accompagna a piedi illuminando con una torcia il nostro sentiero coinvolge i bambini con la storia della miniera, e mostrando loro le pietre da cui veniva estratto il rame a Predoi già dal secondo millenio a.C.

La miniera di Predoi è ottimamente collegata con i mezzi pubblici: un bus efficiente e colorato con partenze ogni mezz’ora circa.  Qui trovate maggiori Informazioni su orari e prezzi per visitare le miniere di Predoi.

6 – 1.100 metri nel cuore della montagna, qui respiri l’aria più pura d’Europa!

Valle Aurina Predoi Benessere

Non vi basta? Prima di risalire alla luce del sole potete fermarvi al centro della Miniera per respirare l’aria più pura d’Europa.

Il centro climatico di Predoi si trova in una delle gallerie disuso della Miniera e qui si può praticare da aprile ad ottobre la terapia in caverna (il suo nome esatto è Speleoterapia). Noi l’abbiamo fatto ascoltando le note di un’arpa con una tisana calda in mano, raggiungendo subito un’incredibile stato di relax. Il tutto a 1.100 metri nel cuore della montagna!

A queste profondità non arrivano infatti pollini e allergeni e l’aria è purissima. Respirarla rappresenta una cura per chi soffre di allergie. Ma l’effetto benefico è per tutti: basta accomodarsi in poltrona leggendo un buon libro o sorseggiando una tisana bollente e respirare a pieni polmoni!

7 – 10 tipi di strudel e un giardino fiorito

Se cercate una vacanza all’insegna del benessere è d’obbligo una sosta all’Alpen Palace, un hotel a 5 stelle con una magnifica vista panoramica, centro benessere, piscina esterna ed interna, ed un occhio all’ambiente.

La cucina del ristorante è a base di prodotti locali, tra cui le erbe aromatiche del giardino e i formaggi di malga, e potrete assaggiare oltre 10 tipi di strudel diversi, da quello tradizionale con le mele, a quello di pere, di nocciole, di cioccolato, di frutti di bosco. Il riscaldamento dell’hotel è con pannelli solari, l’energia è pulita, l’arredamento con mobili in legno è in stile tirolese e oggetti dell’artigianato locale.

Il centro benessere con sauna, bagno turco e piscine, offre anche la possibilità di nuotare in una vasca esterna con acqua riscaldata, circondata da un magnifico giardino fiorito e vista mozzafiato sulle montagne della Valle Aurina.

Valle Aurina,Giardino dell'Hotel Alpen Palace e Piscina esterna
Giardino fiorito dell’Hotel Alpen Palace, con piscina esterna e zona benessere

Potrebbero interessarvi anche:

5 idee per esplorare in treno i Parchi delle Alpi

Il trasporto pubblico è Green: a Bolzano arrivano gli autobus a idrogeno

Perle di Turismo Responsabile tra le Alpi


Autore: Silvia Ombellini

Sono un architetto con la passione del viaggio. Penso che sia sempre più urgente riuscire a vivere in armonia con l’ecosistema del quale siamo parte. Dopo la nascita del mio secondo bimbo è nato anche Ecobnb, un'avventura intrapresa per cambiare il modo di viaggiare, per renderlo più sostenibile, giusto e buono con l'ambiente, i luoghi e le persone che li abitano.
Altri articoli di Silvia Ombellini →


Questo articolo è stato pubblicato il itinerari ed etichettato , , , , , . Ecco il permalink.