Tra la Manica e il Mare del Nord si trova il Parco Naturale Regionale des Caps et Marais d’Opale, cosiddetto Costa d’Opale, un paesaggio bucolico da scoprire vicino alla città di Calais!

Il Parco Naturale d'Opale. Foto di Irene Paolinelli
Il Parco Naturale d’Opale. Foto di Irene Paolinelli

Quest’area protetta è caratterizzata da una grande diversità di paesaggi, modellati nei secoli dai suoi abitanti. La Costa d’Opale presenta dune e baie sabbiose, tra cui le due spettacolari scogliere Cap Blanc-Nez e Cap Gris-Nez. Nell’entroterra, nella regione di Boulonnais, si trova il cuore rurale del parco con le colline di Artois e villaggi magici.

L’area a nord-ovest del parco è caratterizzata dalla palude di Audomarois, l’ultima palude coltivata in Francia. Il Parco naturale regionale di Caps et Marais d’Opale possiede anche un bel patrimonio culturale rappresentato da case di gesso bianco e case rurali a torchis. Numerosi sentieri segnalati attraversano il parco, permettendo agli escursionisti di scoprire un ambiente ben conservato.

Fai una passeggiata lungo le stupende spiagge di Calais e lungo la Costa d’Opale

Camminare lungo la Costa d'Opale. Foto di Irene Paolinelli
Camminare lungo la Costa d’Opale. Foto di Irene Paolinelli

Le meravigliose spiagge di Calais e la Costa d’Opale offrono paesaggi selvaggi e bellissimi panorami sulla Manica. Si estendono su 120 km.  Sono un ottimo posto per fare delle passeggiate. Ideale anche per fare numerose attività sportive e ricreative, come ad esempio Vela, Wind Surf, Canoa, Kayak, Kite Surf, Jet Ski, passeggiate a cavallo..

Sport Costa d'Opale. Foto di Irene Paolinelli
Sport Costa d’Opale. Foto di Irene Paolinelli

Ti consigliamo di raggiungere Cap Blanc-Nez che si affaccia sul mare del Nord, da cui, in condizioni meteorologiche favorevoli, potrai intravedere le bianche scogliere di Dover che si affacciano sulla Manica dalla costa inglese. Distano dal Cap Blanc-Nez una quarantina di chilometri. Prosegui camminando a piedi fino a Cap Gris-Nez passando per il villaggio di Wissant, lungo la costa di scogliere bianche alte oltre 100 metri che scendono a picco sulle spiagge sabbiose. Lungo le spiagge da Cap Blanc-Nez a Cap Gris-Nez potrai vedere una serie di imponenti bunker tedeschi creati durante l’occupazione della Francia, per assediare il Regno Unito durante la seconda Guerra mondiale. Un’altra escursione interessante da fare è partire da Cap Gris-Nez e camminare lungo le scogliere fino a Audresselles in direzione di Boulogne sur mer, puoi continuare anche fino a Ambleteuse e Wimereux. Ad Audresselles avrai la possibilità di visitare il mercato delle pulci locale la domenica.

Bunker e Mercato delle Pulci. Foto di Irene Paolinelli
Bunker e Mercato delle Pulci. Foto di Irene Paolinelli

Una tappa tra le meraviglie storiche e artistiche di Calais

I monumenti di Calais. Foto di Irene Paolinelli e Alexis Mette via Unsplash.com
I monumenti di Calais. Foto di Irene Paolinelli e Alexis Mette via Unsplash.com

Calais, situata al nord della Francia è una delle poche città al mondo che si trova in mezzo a tre capitali: Londra, Parigi e Bruxelles. Si affaccia sullo stretto di Dover, nel punto più stretto della Manica, ed è la città più vicina all’Inghilterra. Il simbolo della città è “Le Six Bourgeois”, realizzato da Rodin nel 1895. Calais è una città nota per la sua storia riguardo la seconda guerra mondiale, infatti ospita il Museo della Seconda Guerra Mondiale che si trova all’interno di un ex bunker nazista tedesco e offre interessanti approfondimenti sugli eventi riguardanti il conflitto. Non perderti il Museo delle Belle Arti dove al suo interno sono conservate opere d’arte di Rodin e capolavori del XX secolo realizzati da Dubuffet e Pablo Picasso. Anche il Faro e il Municipio di Calais meritano una visita.

Fai una pausa in una delle “Friterie” locali lungomare

Foto di Irene Paolinelli e plusaunord.com
Foto di Irene Paolinelli e plusaunord.com

La cucina locale del Nord e del Pas-de-Calais esprime due principali influenze: fiamminga e normanna. A Calais e nei vari i paesi della Costa d’Opale è tipico trovare numerose “Friterie” in cui gustare le migliori patatine fritte locali con numerose salse, super hamburger con carne locale. Ordina “l’americain con la fricadelle” in una delle più famose Friterie “La Friterie des Nations”sulla spiaggia di Calais. Come dessert prenditi una “glace à l’italienne alla vaniglia” in una delle bancarelle presenti lungomare. Se preferisci qualcosa di più gourmet gusta i pesci e i frutti di mare alla Sirène a Cap Gris-Nez, uno dei promontori da fine del mondo della Costa d’Opale.

Altre delizie locali da non perdere sono le Cozze abbinate a diverse salse, la Carbonade fiamminga (pezzi di manzo brasati con cipolle e bolliti lentamente nella birra per la conservazione con zucchero di canna), la cicoria, il gallo con la birra (flambé al ginepro e cotto nella birra), il faluche (pane rotondo), la flamiche (una frittella condita con burro fuso), le fricadelle (una miscela di carni patate, cipolle, senape e uova che sembra una salsiccia), e il coniglio alle prugne. Inoltre ci sono varie specialità dolci tra cui il cracker, la conchiglia e la “tart au chuque”. La regione offre anche numerosi formaggi come il cuore di Arras. Per concludere la tua giornata in bellezza, goditi un panino con la polpa di granchio al tramonto lungo la costa di Boulogne sur mer.

Paesaggio della Costa d'Opale. Foto di Irene Paolinelli
Paesaggio della Costa d’Opale. Foto di Irene Paolinelli

Cerchi una vacanza all’insegna della natura selvaggia e della storia entrando a pieno nella comunità locale del Nord della Francia? Calais e la Costa d’Opale sono la meta adatta per te!


Autore: Irene Paolinelli

Olà, sono Irene. Sono italiana, nata e cresciuta sulle colline toscane tra Lucca e il mare. Per motivi di studio ho vissuto a Valladolid, in Spagna, e a Lisbona, in Portogallo. Un recente viaggio in Brasile mi ha illuminato sulla sostenibilità sociale e ambientale di cui la nostra società ha bisogno. Fin da bambina sono stata spinta dalla scoperta di nuove culture e dalla padronanza di diverse lingue straniere. Sono appassionata di turismo sostenibile, marketing e progetti di impatto sociale. "Chi vive deve essere preparato ai cambiamenti" (Goethe, Viaggio in Italia).
Altri articoli di Irene Paolinelli →


Questo articolo è stato pubblicato il itinerari, weekend green ed etichettato , , , , , . Ecco il permalink.