L’inquinamento e la degradazione dell’ambiente sono argomenti ormai all’ordine del giorno. Le previsioni degli esperti sul nostro futuro sono spesso tragiche. Ma c’è davvero una soluzione a tutto ciò? Se si sceglie in modo sostenibile e si fanno acquisti consapevoli, la risposta è SI.

Il futuro è impossibile da prevedere, nonostante tutto, l’insieme è la forza. Se tutti ci impegniamo per un consumo critico, lo sviluppo sostenibile può diventare concreto. L’ONU ha stabilito nell’Agenda 2030, una serie di propositi per raggiungere un equilibrio sostenibile, tra i quali compare al dodicesimo punto consumo e produzione responsabili, ma il cambiamento parte anche dalle piccole azioni quotidiane.

i 17 punti dell'onu sull'agenda 2030

L’iniziativa Circular Sud, che si occupa di sensibilizzazione dei temi ambientali e di valorizzazione degli scarti e dei rifiuti nel Sud Italia, ha pubblicato una “Piccola guida essenziale al consumo critico e circolare”, dove vengono elencati alcuni consigli per intraprendere una vita green-oriented. Ecco qua alcune linee guida!

Cosa vuol dire Consumo Critico?

scegliere l'acquisto consapevole
Foto di Raquel Martínez on Unsplash

Solitamente, quando ci troviamo di fronte a un nuovo acquisto, le nostre scelte sono influenzate solo dal prezzo o dall’estetica del prodotto. Non pensiamo mai al mondo in cui questi acquisti possano avere dei costi sia ambientali che sociali, dal metodo di produzione allo smaltimento dei rifiuti prodotti. Se vogliamo un mondo migliore, è arrivato il momento di soffermarsi a pensare prima di comprare.

Cambiare è possibile con un’Economia Circolare

Economia circolare per acquisti consapevoli

Fare acquisti consapevoli equivale ad incentivare una nuova economia ecologica. Economia Circolare significa orientare tutto il processo produttivo verso la minimizzazione dell’impatto ambientale, attraverso un semplice obiettivo: riutilizzare le materie prime e diminuire al minimo i rifiuti.

Le tre R dell'acquisto consapevole
Foto di Shirley via Pixbay

Questo nuovo concetto di produzione, infatti, stabilisce la regola delle 3 R:

  • Riduzione a monte: evitando ogni tipo di spreco, compresi gli imballaggi e la plastica in eccesso
  • Riutilizzo: cercando di riparare gli oggetti e le materie prime danneggiate
  • Riciclo: attuando una raccolta differenziata intelligente

12 consigli pratici per fare Acquisti Consapevoli

Fare la spesa al mercato dei contadini della tua città è una buona idea per acquisti consapevoli
Fare la spesa al mercato dei contadini della tua città. Foto di Iñigo De la Maza on Unsplash
  1. Usa la borraccia: dire di no alle bottiglie di plastica è un gesto semplice ma efficace per aiutare il pianeta
  2. Fai la spesa con la shopper: evita così inutili buste di plastica
  3. Compra sfuso: riduci la tua impronta ecologica e risparmi
  4.  Evita l’usa e getta
  5.  Riduci lo spreco di cibo: compra solo ciò che sei sicuro di consumare e smetti di sprecare cibo
  6.  Scegli bene frutta e verdura: evita i prodotti fuori stagione, scegli quelli coltivati con metodi biologici e cresciuti localmente, magari acquistando in un farmer’s market della tua città
  7.  Ricorda, usato è Bello: combatti la Fast Fashion cercando capi alla moda nei mercatini vintage e dell’usato
  8.  Condividi con lo Sharing: la pratica della condivisione comincia a dilagare, dal car-sharing agli attrezzi da lavoro
  9.  Usa la creatività, trasforma: l’upcycling è la capacità di riusare in modo creativo molti rifiuti domestici (qui un esempio)
  10.  Non buttare, ripara: partecipa ad un repair café, dai una seconda vita agli oggetti, riparandoli o riciclandoli in modo creativo
  11. Risparmia energia e acqua: usa lampade a LED e chiudi l’acqua mentre ti lavi i denti
  12. Impara a smaltire i rifiuti: informati sulla raccolta differenziata e differenzia il più possibile.

A proposito di vacanze consapevoli, la guida “Io Consumo Circolare” consiglia di utilizzare Ecobnb per l’acquisto di un viaggio all’insegna dell’ecosostenibilità.

Per saperne di più, scarica qui l’intera guida in formato pdf.

Ai 12 punti di “Io Consumo Circolare” noi aggiungeremmo questo: “13. Evita acquisti che impattano pesantemente sull’ambiente: dite no ai voli aerei e alle crociere, preferite un viaggio in treno”

E voi, quali altri consigli di economia circolare e consumo critico aggiungereste all’elenco?


Autore: Camilla Tecchio

Sono Camilla, 22 anni, studentessa di Intermediazione Linguistica presso l’Università di Trento. Viaggiare è la mia passione e stare a contatto con la natura è la parte che preferisco di ogni nuova esperienza. Credo nella sostenibilità perché sento il bisogno di prendermi cura dell’ambiente che mi circonda in ogni situazione, per il futuro di tutti noi.
Altri articoli di Camilla Tecchio →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità, vivere e viaggiare verde ed etichettato , . Ecco il permalink.