Vantaggi ecologici, risparmio energetico e riduzione dei costi… passare a LED è la soluzione! Investire in risorse efficienti in termini di risparmio energetico, dall’ essere una semplice idea, si sta trasformando in un vero e proprio stile di vita. “Going Green” non è una passeggiata, anzi. Implica dedizione ed impegno, a volte anche un esborso economico che non sempre inseriamo nella lista delle priorità.
Tuttavia, esiste una soluzione, oggi tra le più comuni, per adottare una linea ecologica che ci aiuta ad ammortizzare le spese senza investire tutto il nostro patrimonio: passare a LED.

I vantaggi delle Lampade LED

Sempre più bar e ristornati utilizzano lampade LED per abbattere i costi e usare meno sull'ambiente

L’opzione di investire in questa tecnologia veniva associata all’idea di “sopravvivenza” di aziende per tagliare qualche spesa, con scarsa attenzione però agli ulteriori eccellenti vantaggi di cui si può beneficiare. Le lampadine LED sono prodotti dotati di diodi – semiconduttori – che trasformano l’energia elettrica in luce senza emissioni di raggi infrarossi. I LED possono offrire un risparmio energetico fino all’ 80% ed una vita media utile superiore di 10 volte, se comparate con le tradizionali tecnologie ad incandescenza o alogena. Questa è una delle principali ragioni per la quale i LED si stanno impadronendo del palcoscenico dell’illuminazione.

Un altro vantaggio in termini ecologici risiede nel fatto che queste lampade non utilizzano nessun tipo di gas, come ad esempio le lampade fluorescenti compatte. Ma entriamo un po’ di più nello specifico per capire la rivoluzione che i LED stanno attuando.

I benefici energetici dei LED

 

lampade LED il grafico mostra il risparmio energetico utilizzando lampadine LED
Utilizzando lampade LED i consumi energetici si riducono dell’80% rispetto alle lampade ad incandescenza tradizionali.

Mentre una Philips Accentline GU5.3 12V 36D, che è una lampadina alogena con una vita media di circa 2.000 ore, consuma 35W e produce 430 lm, una Philips LEDspot LV 830 MR16 36D consuma 6.3W producendo 395 lm per circa 25,000 ore. Il consumo energetico si riduce di circa l’80% beneficiando anche di 23000 ore in più di vita utile del prodotto. Il flusso luminoso è praticamente identico. Conveniente non vi pare?

L’unico limite esistente delle lampadine LED è che a volte non sono compatibili con gli attacchi tradizionali. Gli attacchi delle lampadine sono tantissimi, ma possiamo dire che i LED coprono quelli più comuni (E27, E14, B22, GU10, GU5.3, GU4, G4, G53, G13). Qualora non esista l’alternativa LED per un determinato attacco, è comunque possibile effettuare un’operazione di re-lamping, ovvero è necessario intervenire cambiando l’intera plafoniera. L’investimento fatto sarà sicuramente recuperato grazie ai risparmi ottenuti dalla riduzione dei costi energetici e di manutenzione.

Le lampade LED sono anche belle!

 

E se in un primo momento l’illuminazione LED veniva adottata principalmente per i vantaggi sopraelencati, oggi la praticità della scelta si traduce anche in un risultato estetico. Ad esempio, i nuovi prodotti Retro sono lampadine che presentano un look tradizionale ma sono dotate di tecnologia LED. Il filamento e la forma di questo prodotto ricordano la classica lampadina ad incandescenza, offrendo però tutti i benefici della tecnologia LED.

Sono prodotti molto utilizzati da bar, ristoranti, B&B, alberghi e tutte quelle attività che vogliono ricreare un’atmosfera unica e rilassante, ed esaltare quel sentimento del “sentirsi a casa”. Inoltre l’installazione è semplicissima, in quanto basterà sostituire la tradizionale lampadine con la nuova lampada LED Retro. Rapido ed efficace per uno arredamento speciale con un occhio all’ambiente… e alla bolletta!

Ti potrebbero interessare:

La torcia che non necessita di batterie per funzionare: basta il calore di una mano

Quanta CO2 risparmi se scegli un hotel verde?

One thought on “Lampade LED: un occhio all’ambiente, ai costi… e al design

I commenti sono chiusi per questo articolo.