Un Piccolo Paradiso tra le Alpi del Gran Paradiso. A pochi passi dalla Perla Alpina di Ceresole Reale scopriamo questo luogo magico nascosto nel silenzio dei boschi di larici. Il luogo perfetto per dimenticare lo stress, tra lunghe passeggiate nei boschi (che secondo gli studi scientifici salvano dai pensieri negativi), meditazione, e silence therapy vicino al torrente Orco. Unico suono: quello dell’acqua e della natura.

Il Piccolo Paradiso è un campeggio eco-friendly, l’unico nel versante Piemontese del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Qui puoi trascorrere le vacanze in tenda, in camper, o in accoglienti casette di legno. E’ il punto di partenza perfetto per escursioni in alta quota, al Colle Nivolet o ai piedi delle Levanne, o lungo il lago di Ceresole Reale. Un luogo magico in cui rifugiarsi tra gli alberi e ritrovare il contatto autentico con la natura. Abbiamo intervistato Alessandra Oberto, proprietaria del campeggio Piccolo Paradiso, ecco cosa ci ha raccontato:

Alessandra Oberto, proprietaria del camping Piccolo Paradiso dice: "Vivere secondo le "Tre R": rispetto per sé stesso (vivere in un ambiente migliore), rispetto per gli altri (anche i nostri figli), responsabilità per ciò che si fa (consapevoli di aver trattato ciò che ci è stato dato in prestito con il massimo rispetto come merita)."
Alessandra Oberto, proprietaria del camping Piccolo Paradiso

Alessandra, ci racconti come è nato il camping Piccolo Paradiso?

I miei genitori hanno aperto questo campeggio circa trent’anni fa. Da sempre lavoro qui e negli anni sempre maggiormente è cresciuta la consapevolezza che l’attenzione al rispetto dell’ambiente oltre ad essere importante non può più essere trascurata.

Il campeggio è l’unico all’interno del versante piemontese del Parco Nazionale Gran Paradiso, in un lariceto lungo le sponda del torrente Orco che regala una piacevole naturale musica agli ospiti.

Dopo aver ottenuto alcuni anni fa il “Marchio di Qualità” del Parco Nazionale Gran Paradiso, ci siamo avvicinati ancora di più alla filosofia attenta alla eco-ospitalità ed eccoci qui pronti a lavorare con occhio di riguardo al nostro meraviglioso mondo.

Quali caratteristiche rendono unico il Piccolo Paradiso?

Risparmio energetico con illuminazione a basso consumo e a tempo, risparmio idrico con riduttori di flusso dell’acqua, utilizzo di prodotti per la pulizia esclusivamente ecologici. Spostamento all’interno del campeggio non con mezzi motorizzati, ma con carriole, ove possibile, (iniziativa molto apprezzata anche per l’inquinamento acustico).

Creazione di un’area “Silence Theraphy” lungo le sponde del fiume Orco, dove è necessario abbassare la suoneria del telefono e si richiede ai nostri ospiti maggiore attenzione al silenzio. Utilizzo gratuito dello “Scarico wc chimico” per chi utilizza prodotti biodegradabili. Rifiuti rigorosamente differenziati e riduzione degli stessi. Acquisto di biciclette noleggiabili dai clienti con una targa propria del campeggio, riportante una “Massima ecologica“.

Silence Theraphy vicino al fiume, al Camping Piccolo Paradiso
Silence Theraphy vicino al fiume, al Camping Piccolo Paradiso

Quali sono gli itinerari da non perdere?

Il “Giro del Lago” a piedi oppure in bicicletta è assolutamente da consigliare, soprattutto al mattino presto regala panorami stupendi.

Le innumerevoli gite al Colle del Nivolet sono raggiungibili con la navetta messa a dispozione a luglio e agosto tutti i giorni, grazie all’unione delle forze del Comune di Ceresole Reale, Comune di Noasca, Parco Nazionale Gran Paradiso e Torino Turismo e Provincia.

Nell’estate le diverse attività organizzate dal Parco Nazionale Gran Paradiso in “A piedi fra le Nuvole” regalano sempre giornate indimenticabili, adatte a tutte le età.

Gli itinerari da non perdere sono: Rifugio Jervis, Lago Dres, Colle della Terra, Punta Basei, Punta Violetta e per gli escursionisti un pò più esperti il Rifugio Leonesi, ai piedi delle “Levanne”.

Percorso accessibile lungo il lago di Ceresole Reale
Percorso accessibile per tutti lungo il lago di Ceresole Reale
Ceresole Reale, itinerario lungo il percorso verso il Colle della Terra
Ceresole Reale, lungo il percorso verso il Colle della Terra, foto di Fulvio Spada via wikimedia.

Quali buone pratiche di sostenibilità avete adottato?

Innanzitutto cerchiamo di trasmettere la filosofia di eco-sostenibilità ai nostri ospiti, con tutti i mezzi possibili, anche con messaggi e disegni posti nelle aree comuni

L’adozione della carriola come mezo di spostamento interno al campeggio; utilizzo di prodotti per la pulizia ecologici; risparmio energetico, idrico; attenzione alla differenziazione dei rifiuti. Utilizzo di timer per le docce con acqua calda, per evitare consumi inutili.

Edificio in legno e pietra tipica, all'ingresso del camping Piccolo Paradiso
Edificio in legno e pietra tipica, all’ingresso del camping Piccolo Paradiso

Cosa significa essere una “Perla Alpina”?

E’ amore ognuno per il proprio “Mondo”, è il rispetto per “l’ambiente in cui siamo ospiti” e che lasceremo ai nostri figli, è il pensiero di voler trasmettere qualcosa di “naturale“, il rispetto per la natura che ci circonda e che ci regala tutti i giorni qualcosa, la “Maestra di Vita” per eccellenza.

E’ mantenere e conservare la bellezza della natura in tutte le sue innumerevoli facce, con una serie di gesti semplici che partono anche solo dal non sporcarla con i nostri rifiuti.

E’ vivere secondo le “Tre R”: rispetto per se stesso (vivere in un ambiente migliore), rispetto per gli altri (anche i nostri figli), responsabilità per ciò che si fa (consapevoli di aver trattato ciò che ci è stato dato in prestito con il massimo rispetto come merita).

Potrebbero interessarvi anche:

Perle Alpine: vacanze eco-sostenibili tra le Alpi

Il nostro viaggio tra le Perle Alpine inizia a Moso, in Val Passiria

Tree Sleeping: quando il camping è sugli alberi


Autore: Silvia Ombellini

Sono un architetto con la passione del viaggio, una mamma che sente sempre più urgente e necessario riuscire a vivere in armonia con l’ecosistema del quale siamo parte. Dopo la nascita del mio secondo bimbo è nato anche ViaggiVerdi, un'avventura intrapresa per cambiare il modo di viaggiare, per renderlo più sostenibile, giusto e buono con l'ambiente, i luoghi e le persone che li abitano.
Altri articoli di Silvia Ombellini →


Questo articolo è stato pubblicato il ecohotel ed etichettato , , , , . Ecco il permalink.