Come viaggiare sostenibile a Lisbona? Il segreto è andare oltre il centro della città. Incontriamo il geografo portoghese Luis Mendes che ci dà alcuni consigli sostenibili per esplorare la capitale del Portogallo lontano dal turismo di massa.

Luis Mendes, l'esLuis Mendes, il geografo esperto di gentrificazione e touristificazione. Andare oltre la Città Interna. Foto di jornaltornado.pt
Luis Mendes, l’esLuis Mendes, il geografo esperto di gentrificazione turistica. Vai oltre il centro città di Lisbona. Foto di jornaltornado.pt

Come visitare Lisbona in modo autentico e sostenibile? Per scoprirlo abbiamo intervistato il Geografo Luis Mendes, esperto di Gentrificazione Turistica. Andare oltre il centro della città è il suggerimento principale, ecco perché

Ciao Luis, puoi parlarci di te?

Sono un geografo portoghese del centro di studi geografici dell’Istituto di geografia, specializzato in pianificazione urbana di Lisbona. Sono anche un attivista del movimento sociale Morar em Lisboa. Il mio motto è “vai oltre il centro città”.

Lavoro a Morar em Lisboa, da circa quattro anni. Ho aderito a questo movimento fin dall’inizio. Come geografo, sono anche uno specialista della gentrificazione. Ho studiato la gentrificazione per circa 20 anni, dalla fine della mia laurea, all’inizio del 2000, in particolare la gentrificazione turistica. Sono anche membro del consiglio di amministrazione di un’associazione, che fa parte di Morar em Lisboa. La settimana scorsa ho partecipato a un’assemblea virtuale di abitanti molto importante. Si è trattato di un’assemblea con più di 800 collettivi e associazioni provenienti da più di 45 paesi del mondo. E abbiamo parlato del diritto di avere una casa delle Nazioni Unite.

Morar em Lisboa, Movimento sociale. Andare oltre il centro della Città. Foto di moraremlisboa.org
Morar em Lisboa, Movimento sociale. Vai oltre il centro Città di Lisbona. Foto di moraremlisboa.org

Puoi dirci qualcosa di più su Morar em Lisboa? Che cosa fa lì?

Morar em Lisboa è un grande movimento sociale nato alla fine del 2016. È un movimento con più di 60 associazioni, collettivi, organizzazioni di ogni tipo che difendono il diritto alla casa. Al centro del coordinamento del movimento ci sono circa 12 organizzazioni. Siamo un movimento sociale significativo con molta rappresentanza e legittimità; per esempio, siamo riconosciuti dai media nazionali e internazionali.

Inoltre, abbiamo fatto un lavoro molto importante per inserire il diritto alla casa nell’agenda pubblica e anche nell’agenda politica del Portogallo. Sosteniamo gli studenti, anche i ricercatori che lavorano per noi. Promuoviamo i dibattiti. Il nostro obiettivo principale è quello di discutere con la società e con la rappresentanza politica. Facciamo un collegamento tra i cittadini e i nostri politici.

Perché ha deciso di aderire a questo movimento?

Sono stato invitato dopo il grande masterclass che ho fatto nell’aprile 2016 nell’Urban Design Lab Olandese che si chiama Stadslab e dall’Accademia della cittadinanza, che è un’organizzazione di attivismo. Sono stato invitato a supervisionare scientificamente il masterclass. E dopo di ciò, il mentore di Morar em Lisboa ha pensato di fare una piattaforma dal masterclass per far muovere l’associazione. Poi abbiamo raccolto molte adesioni e abbiamo creato questo movimento sociale. Ho sempre partecipato a movimenti sociali e attivismo, anche nelle associazioni studentesche della mia facoltà. Ho lavorato nel consiglio di amministrazione di diverse associazioni. Per me è stato un piacere iniziare a far parte di Morar em Lisboa, perché mi ha dato la possibilità di capire come funziona il movimento sociale, che è molto diverso da un’associazione.

 

Cosa significa per te la sostenibilità?

La sostenibilità è l’opportunità e il dovere delle generazioni attuali di avere un consumo moderato, consapevole e razionale delle risorse naturali e delle risorse di ogni tipo senza compromettere le generazioni future. Questa è dunque la classica definizione di sostenibilità. Ma ultimamente ho aderito alla visione Triple Bottom Line della sostenibilità che considera gli aspetti economici, ambientali e sociali.

Oggi sono molto preoccupato non solo per la sostenibilità ambientale, ma anche per la sostenibilità sociale dei luoghi turistici, come Lisbona. La sostenibilità sociale è una cosa essenziale perché se si perde la popolazione di questi quartieri, si perde l’identità. È così che vedo la sostenibilità, e soprattutto la sostenibilità sociale del centro città, che è la capacità di mantenere la vita sociale, le attività e i servizi di questi quartieri.

Cosa significa per te il turismo sostenibile?

Per me è un modus operandi di fare turismo senza un eccessivo consumo di risorse come l’acqua, la terra e tutti i tipi di risorse naturali. Inoltre, i fattori umani sono essenziali, per esempio, la protezione della popolazione locale e di tutto il patrimonio culturale di quel luogo. Direi che il turismo sostenibile è la capacità di accoglienza di una destinazione senza sfruttare le risorse umane e naturali.

Lisbona, Miradouro Nossa Senhora do Monte. Vai oltre il centro della Città, foto di tourism-review.com
Lisbona, Miradouro Nossa Senhora do Monte. Vai oltre il centro Città di Lisbona, foto di tourism-review.com

Potresti dare qualche consiglio ai viaggiatori Ecobnb su come viaggiare in modo più sostenibile a Lisbona?

Direi che è importante viaggiare con un pensiero critico sulle proprie abitudini di consumo. Evitare i principali canali dell’industria del turismo di massa. Per esempio, quando soggiornate negli alloggi, cercate di capire da dove viene questo posto. Fate qualche domanda alla persona che vi accoglie, cercate di capire se qualche famiglia è stata sfollata nei dintorni. Penso che sia importante essere molto critici su quello che facciamo.

Cercate di essere attenti all’ambiente, cercate di non consumare troppe risorse e cercate di essere moderati nel consumo di acqua, siate cauti nella produzione di spazzatura e rifiuti. Dobbiamo essere consapevoli del nostro comportamento, dell’impatto che abbiamo sulla comunità. Se siamo in zona residenziale per esempio, dobbiamo comportarci correttamente, non fare rumore dopo una certa ora.

Salvare Lisbona dal turismo di massa. Andare oltre il centro della città. Foto di atig.americananthro.org
Salvare Lisbona dal turismo di massa. Vai oltre il centro città di Lisbona. Foto di atig.americananthro.org

Potresti dirci quali sono le aree lontane dal turismo di massa che i viaggiatori Ecobnb potrebbero esplorare a Lisbona?

Ci sono alcuni servizi e organizzazioni a Lisbona che promuovono il turismo sostenibile e che offrono diverse esperienze come “Lisbon Sustainable Tourism” che offrono il “Responsible Walking Tour” che permette ai viaggiatori di conoscere Lisbona e la sua gente, contribuendo a progetti sociali, infatti, il denaro dei tour è destinato per programmi comunitari. Inoltre, danno consigli su come viaggiare in modo responsabile e su come sostenere le imprese locali. Il loro risultato finale è un sacco di sorrisi.

We hate tourism tours” durante i suoi tour insegna ai viaggiatori come viaggiare in modo responsabile e come viaggiare per diventare una persona migliore. Parte del guadagno dei tour viene utilizzato per fare progetti per la popolazione locale.

Per evitare il turismo di massa, è necessario scegliere l’alloggio non situato nel centro della città, per esempio, vi suggerisco di soggiornare a Cascais, Sintra, Almada, Barreiro, Marvila. Evitate di soggiornare in luoghi situati nell’area metropolitana di Lisbona. Per fare turismo sostenibile è necessario decentrare, bisogna andare oltre il centro della città.

Arte di strada a Lisbona. Vai oltre il centro città, foto di learnportugueseinlisbon.com
Arte di strada a Lisbona. Vai oltre il centro città di Lisbona, foto di learnportugueseinlisbon.com

Guarda il documentario YOU’LL SOON BE HERE e esplora Lisbona in modo sostenibile!


Autore: Irene Paolinelli

Olà, sono Irene. Sono italiana, nata e cresciuta sulle colline toscane tra Lucca e il mare. Per motivi di studio ho vissuto a Valladolid, in Spagna, e a Lisbona, in Portogallo. Un recente viaggio in Brasile mi ha illuminato sulla sostenibilità sociale e ambientale di cui la nostra società ha bisogno. Fin da bambina sono stata spinta dalla scoperta di nuove culture e dalla padronanza di diverse lingue straniere. Sono appassionata di turismo sostenibile, marketing e progetti di impatto sociale. "Chi vive deve essere preparato ai cambiamenti" (Goethe, Viaggio in Italia).
Altri articoli di Irene Paolinelli →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità, itinerari ed etichettato , , , , . Ecco il permalink.