Una piccola casa rustica, immersa tra le colline di Trieste. Tra profumi di natura e scorci blu sul mare, scopriamo il bed & breakfast Al Ferdinandeo. Intervistiamo Marzia, la proprietaria, ecco cosa ci ha raccontato.

A soli 3 km dal centro di Trieste, tra le colline della città della Bora, sorge un piccolo e accogliente BnB eco-friendlySi chiama Al Ferdinandeo ed è il posto giusto per chiunque sia alla ricerca di un rifugio sicuro, lontano dallo stress quotidiano. Una brillante idea di Marzia, la proprietaria, che con questo BnB eco-friendly ha ricreato un ambiente unico dove potersi rilassare e scambiare idee con gli ospiti di tutto il mondo.

Trieste, Al Ferdinandeo, Turismo Sostenibile, Ospitalità Green
Trieste, Molo Audace, foto via Wikimedia

Ciao Marzia, come è nato questo progetto di eco-ospitalità?

Ciao! Allora, l’idea del progetto nasce proprio dal desiderio di cambiare lo stile di vita frenetico dei nostri giorni per abbracciare un altro stile di vita fatto di ritmi più tranquilli e meno stress. Per fare questo non potevo prescindere dall’idea di sostenibilità, anche ecologica. Ma ci sono anche altri motivi che mi hanno spinto a fare questa scelta. Ad esempio, Al Ferdinandeo è modo meraviglioso per potere conoscere persone nuove che vengono nella tua città da ogni parte del mondo. Con loro puoi scambiare idee e scoprire nuovi modi di pensare. Un’opportunità davvero interessante per potersi avvicinare a culture diverse dalla nostra. Ci piace veramente molto!

Quali caratteristiche rendono unico il BnB Al Ferdinandeo?

Cerchiamo sempre di stupire i nostri clienti. Attraverso la nostra ospitalità cerchiamo sempre di lasciare loro quante più sensazioni positive possibili. Se ci riferiamo invece al BnB nella sua essenza materiale, posso dire senza alcun dubbio che la sua caratteristica più autentica è proprio l’architettura. Si tratta di una antica casa costruita in pietra che, dopo tanto tempo, ancora oggi è fedele all’originale.

Quale itinerario, esperienza o escursione consigliate maggiormente a chi viene da voi?

I nostri ospiti vengono da noi e ci chiedono quale sia il modo migliore per scoprire la zona. Noi consigliamo soprattutto le belle e rigeneranti passeggiate in Val Rosandra o il favoloso sentiero Rilke che si trova a picco sul mare tra Sistiana e Duino. Da quest’ultimo si aprono alla vista dei panorami mozzafiato che talvolta regalano anche qualche brivido. Non dimentichiamoci però della strada Napoleonica dalla quale si scorgono i meravigliosi paesaggi del Golfo di Trieste. Poi ovviamente, non possiamo che consigliare anche un giro tra le numerose attrazioni della città. Dagli splendidi palazzi di Piazza unità al magico Castello di Miramare, citato anche da Carducci, passando per i Caffè storici e il maestoso Faro della Vittoria. Agli amanti delle attrazioni naturali invece consigliamo un’avventura all’interno della Grotta Gigante. Insomma, tante esperienze per cogliere lo spirito e la storia di Trieste.

Quali buone pratiche di sostenibilità avete adottato?

Nel nostro BnB siamo molto sensibili alle tematiche ambientali. Per questo abbiamo abbracciato la causa del turismo sostenibile e ci siamo adattati volentieri alle sue esigenze. Oggi la nostra struttura è rifornita di energia pulita direttamente dai pannelli fotovoltaici posizionati sul tetto. Per il riscaldamento invernale invece abbiamo una stufa a pellets. Per quanto riguarda la colazione, la nostra cucina serve solo prodotti locali a km 0.  Adottiamo una politica di riduzione dei consumi di acqua attraverso dei riduttori di flusso installati nei rubinetti. L’acqua è un bene prezioso e va usato con cura. Ultimo, ma non meno importante, effettuiamo regolarmente la raccolta differenziata dei rifiuti. Per noi il rispetto dell’ambiente viene prima di tutto.

Pronti per il vostro soggiorno green a Trieste?

Cover image: foto di Jeffrey Betts, via Unsplash

Ti potrebbero interessare anche:

Viaggiare per incontrare, conoscere e sostenere. Intervista a Teresa Agovino

Vacanze offline e mete digital detox: Parma Magazine intervista Ecobnb

Turismo sostenibile: come trovare la strategia di successo