Per chi ama il mare, non solo d’estate ma tutto l’anno, Bordighera e la Liguria offrono un clima mite e piacevole in tutte le stagioni,  incredibili paesaggi e scorci romantici. Scopriamoli insieme!

Bordighera è una piccola, elegante cittadina della Liguria, nel cuore della Riviera del Ponente, a pochi chilometri dal confine con la Francia. Sarà il profumo del mare e il canto dei gabbiani a svegliarci al mattino e già dalla nostra finestra potremo ammirare le onde, la tranquillità del centro storico, gli scorci ricchi di chiese.

Il cuore di Bordighera, tra mare (Bandiera Blu), giardini e arte

Il mare di Bordighera, Liguria
Il mare di Bordighera, foto di lucianomandolina, via flickr

Si respira un’aria pulita, in un’atmosfera tranquilla e tipicamente ligure.

Probabilmente il luogo migliore di Bordighera è il Lungomare Argentina dove possiamo camminare senza fretta e godere da una parte dello sciabordio delle onde che si infrangono sulla riva, ammirandone colori e sensazioni, e dall’altra i variopinti giardini del centro e le montagne dietro il borgo che sembrano volersi tuffare nell’acqua.

Il lungomare si estende per circa 2 km, rappresentando così il percorso pedonale più lungo e forse anche più suggestivo di tutta la Riviera ligure di ponente.

Dal 1987 Bordigera riceve ogni anno il riconoscimento Bandiera Blu della Foundation for Environmental Education, che premia le località turistico balneari virtuose per la qualità ambientale e la gestione sostenibile del territorio.

Villa Margherita a Bordighera, Liguria
Villa Margherita a Bordighera, via wikipedia

Ma a Bordighera c’è anche tanto altro: passeggiando tra i tipici vicoli del centro, dove si affacciano anche ottimi ristoranti, sono tante le chiese da vedere, come la Chiesa della Madonna dei Fiori  e la Chiesa del Carmine. Nell’elegante cittadina non possiamo perderci una visita all museo della Villa Regina Margherita, una dimora signorile edificata tra il 1914 ed il 1916. Purtroppo dal 2016 Villa Regina Margherita è chiusa alla visite :-( . Speriamo riapra presto per offrire la possibilità di visitare la sua incredibile esposizione permanente con più di 1000 pezzi, tra mobili antichi, ceramiche e porcellane europee e orientali, dipinti del Sei e Settecento, fra cui capolavori di Bernardo Strozzi Alessandro Magnasco e ancora, tele di artisti francesi, nature morte e paesaggi di autori fiamminghi. 

Bordighera era anche una delle città visitate e amate dal grande pittore francese Claud Monet. Chi ama l’arte dell’artista impressionista può ritrovarla del Giardino Moreno, nella Villa a Bordighera o in altri scorci unici che Monet amava dipingere, e che si possono ancora ammirare passeggiando per le strade della cittadina ligure, seguendo questa mappa:

Claud Monet a Bordighera, Liguria
La mappa dei luoghi di Claud Monet a Bordighera

Dormire green (con vista mare) tra le colline di Bordighera

Guest house eco-friendly con vista mare tra le colline di Bordighera, Liguria

 

Tra muretti a secco, ulivi e alberi di mimosa in fiore, nella campagna di Bordighera si trova una bellissima Guest house eco-sostenibile ristrutturata principalmente con tecniche di bioedilizia, utilizzando bio calce e materiali a basso impatto ambientale, arredata con materiali naturali e di recupero: si tratta di Agrilunassa, la realizzazione di un sogno di una coppia milanese in cerca di una vita più naturale.

Insieme a confortevoli camere arredate secondo i principi di Feng Shui, un bellissimo giardino con orto e vista mare, la struttura propone diverse attività outdoor, che sempre rispettano l’ambiente, che vanno dalle escursioni in bici, a giornate in barca per l’emozionante whale watching.

Alla scoperta dei dintorni di Bordighera

Il borgo di Apricale, nei dintorni di Bordighera, Liguria
Il borgo di Apricale, foto di Giuseppe Calsamiglia, via flickr

Dalla chic Bordighera è facile raggiungere altre meraviglie della Liguria, in particolare della Riviera del Ponente, per un viaggio indimenticabile fatto di natura, incontri speciali, sapori unici e mare.

Come resistere alla tentazione e non visitare ad esempio il borgo di Dolceacqua, che riuscì ad incantare persino Monet con i suoi carruggi e l’atmosfera medievale? E c’è anche Apricale, un borgo arroccato su uno sperone roccioso amato dagli artisti che ne hanno decantato la bellezza sui murales, Sanremo e i suoi fiori, Triora noto come borgo delle streghe, Noli e Cervo.

Tra le diverse località sarà facile trovare anche fuori stagione uno stabilimento aperto, per una giornata in spiaggia o un aperitivo in riva al mare, un ristorante pronto ad accoglierti con piatti sublimi e la classica atmosfera ligure, che saprà sempre farti innamorare, lasciandoti così il desiderio di tornare.

 

Foto di copertina di Filippo Giunchedi via Flickr

Ti potrebbero interessare anche:

Non solo mare: Liguria, tra carruggi e natura

Hai mai dormito in letto-barca? Una notte fuori dal comune a La Mortola, Liguria


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 25 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il weekend green ed etichettato , , , , . Ecco il permalink.