Dal 2019 le auto non possono più accedere al centro città ed entro il 2025 non saranno vendute più auto a benzina e gasolio. Oslo vuole diventare la prima città car free del mondo.

Oslo, la prima città senza auto

Nei prossimi anni Oslo subirà una bellissima trasformazione, per arrivare pian piano a diventare la prima città senza auto al mondo. La prima mossa è quella di ridurre drasticamente i parcheggi, così da impedire l’accesso delle automobili al centro, e allo stesso tempo migliorando il servizio di trasporto pubblico e creando almeno 60 chilometri di pista ciclabile che si aggiungono ai tanti già presenti.
È forse difficile immaginarsi il centro di una grande città senza macchine, ma è proprio questo l’obiettivo, che pensiamo essere virtuoso e da imitare, della città di Oslo, che ha così iniziato una crociata contro tutte le auto. Nel centro saranno bandite anche le auto elettriche e i modelle ibridi, che insieme rappresentano il 24% dell’intero parco circolante del Paese.

Oslo, la prima città senza auto

Non è la prima volta che la Norvegia si mostra come uno dei paesi più attenti alle questioni ambientali, consapevole di quanto sia importante e urgente ridurre drasticamente le emissioni di CO2 prodotte dalle azioni dell’uomo. Nessuna città si era spinta a tanto, Parigi propone alcune giornate senza auto per abbattere i livelli di polveri sottili, Helsinki ha deciso di potenziare il proprio sistema di trasporto pubblico integrato, per rendere entro il 2025 il più superfluo possibile il ricorso alle auto private. Oslo arriverà però a bandire integralmente le vetture dal centro città, raggiungendo un primato tra le capitali europee.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Una nave da crociera inquina come 5 milioni di auto

Parigi, per chi lascia l’auto i mezzi pubblici sono gratis

Le e-bike sostituiranno le automobili?


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 25 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità ed etichettato , , , , , . Ecco il permalink.