Parco Regionale Taburno Camposauro: da Laiano a Campo Cepino

Breve escursione nel Parco regionale Taburno Camposauro tra importanti risorse naturali, paesaggistiche e storiche
  • Tempo di percorrenza: 2 ore e 30 minuti

  • Difficoltà: Media

  • Perchè ci piace: Sant’Agata de’ Goti è un bellissimo borgo e l'itinerario permette di ammirare meravigliosi paesaggi del beneventano

  • Lunghezza: 6 km

  • Dislivello: 667 m

  • Percorribilità: A piedi

  • Costo: 0 €

  • Il nostro consiglio: L'escursione si può fare in ogni stagione, è importante portare con sé dell'acqua perché non è presente lungo il percorso

Mappa dell'itinerario
Mappa dell'itinerario via http://www.enteparcotaburno.it/

L’escursione di oggi parte da una frazione di Sant’Agata de’ Goti, Laiano. Arrivare a Sant’Agata è sempre una forte emozione: il centro storico è arroccato sul pianoro di una collina tufacea e si erge tra due fossati sui torrenti Riello e Martorano. La città è molto antica, sembra sorga sul luogo dell’antica Saticula, città sannitica. È bello perdersi tra le sue strette vie e ritrovarsi nelle improvvise piazzette. Ti vorrai sempre fermare per fotografare i tetti spioventi, i monumenti romanici e gotici, i campanili e i numerosi scorci dove si respira un’aria antica: il tempo qui si è fermato. Attorno è tutto verde e ancora più in là c’è una cinta di monti e colline, compreso il famoso Taburno.

Sant'Agata de' Goti
Sant'Agata de' Goti

 

Ai piedi del monte sorge la frazione di Laiano, famosa per le vicende legate al brigantaggio post-unitario. Qui infatti i briganti trovarono rifugio e attualmente, dallo spiazzo antistante la chiesa di S.Michele Arcangelo, parte a suggestiva Via dei Briganti.

Lungo la Via dei Briganti
Lungo la Via dei Briganti

 

Dallo stesso spiazzo inizia il nostro itinerario, da qui imbocchiamo la strada che procede a destra. Attraversiamo vari oliveti secolari e osserviamo la valle dell’Isclero, verso Moiano si distinguono facilmente i ruderi del castello. La strada è asfaltata per 2,5 km, sino ad arrivare a una sbarra. Qui si può eventualmente lasciare l’auto per proseguire a piedi. Siamo adesso all’interno di una faggeta, siamo immersi nel verde. Continuiamo a salire e raggiungiamo un piccolo rilievo: qui sorge una sorta di balcone da cui si può osservare l’intera vallata: è un panorama mozzafiato. Proseguiamo lungo una cresta spoglia di vegetazione dopo continuiamo ad ammirare il panorama e giungiamo al pianoro Campo di Trellica adiacente a Campo Cepino, la nostra destinazione.

I panorami dell'itinerario

 

 

Autore: Chiara Marras

 

Ti potrebbero interessare:

Tra faggi e pini nel Parco Nazionale Paklenica

Ciclo tour nel Parco Dune Costiere (Puglia)

 

Alloggi ecosostenibili

Casa Lerario

Melizzano (Campania)

A partire da 80,00 €
Villa de' Luccheri

Frasso Telesino (Campania)

A partire da 80,00 €