Cascate di Saent

La natura incontaminata, la flora e la fauna, lo scorrere impetuoso dell'acqua sono gli elementi di un breve ma meraviglioso itinerario
  • Tempo di percorrenza: 1 ora

  • Difficoltà: Facile

  • Perchè ci piace: Per l'imponenza delle cascate, per i boschi e la natura selvaggia che circonda questo piccolo gioiello trentino

  • Lunghezza: 2 km

  • Dislivello: 150 m

  • Percorribilità: a piedi

  • Costo: 2 €

  • Il nostro consiglio: Siamo nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio, gli itinerari, tutti ben segnalati, sono numerosissimi e tutti da provare!

La Val di Rabbi è una tipica vallata trentina, vicino alla Val di Sole. È un angolo di paradiso fatto di montagne, terme e natura incontaminata. Uno dei gioielli della valle è la Cascata di Saent, un bellissimo scenario naturale che toglie il fiato.

Per raggiungere l’inizio del breve ed emozionate itinerario vi consigliamo di usufruire della bella ferrovia Trento-Malè sino al capolinea, da qui prendere l’autobus sino a Piazzola. In alternativa potete raggiungere Piazzola in autobus direttamente da Trento. Da qui si prosegue per 5km a piedi per raggiungere la località di Coler. Arrivate al parcheggio di Ramoni di Coler dove parte il comodissimo servizio bus navetta che vi porterà alla Malga Stablasol. In alternativa, occorre camminare su una semplice stradina in salita per circa mezz’ora.

Dalla Malga percorriamo la stradina sterrata, seguendo le indicazioni per la Valle del Saent – Cascate Saent. Dopo circa 200m di salita, alla diramazione, giriamo a destra dirigendoci verso il torrente Rabbies. Percorriamo un caratteristico ponte di legno che ci porta dall’altra parte del fiume e proseguiamo sulla mulattiera che sale lungo il corso d’acqua in mezzo al bosco. Il sentiero inizia a farsi sempre più ripido e iniziamo a sentire il rumore dell’acqua. Proseguiamo lungo il sentiero, e in vari punti possiamo già ammirare la cascata; ma il punto più emozionante si raggiunge dopo diversi scalini. Ignoriamo la diramazione a destra e arriviamo al grande salto superiore della Cascata del Saent. Qui si trova un suggestivo ponticello di legno che permette di passare ai piedi dell’ultimo risalto e di godere di una bellissima visuale verso la caduta della cascata.

 

Cascate del Saent, incantevole scenario di natura selvaggia
Cascate del Saent, foto di Luigi Mengato via Flickr

Grazie a questo breve itinerario vi sentirete parte di una natura selvaggia e potrete ammirarne la grande forza negli spumeggianti salti creati dal torrente Rabbies, nel cuore di uno dei più bei Parchi Nazionali del Paese.

 

Immagine di copertina: Cascate del Saent, foto di archiviw32 via Flickr

Autore: Chiara Marras

 

Ti potrebbero interessare:

Lagdei e Lago Santo

Bosco Rocconi