Le case che si affacciano sul Mar Adriatico, le viuzze del Borgo Antico, che dal suo promontorio sembra volersi tuffare nel blu, i trabucchi al tramonto, il Castello… la città di Termoli stupisce a ogni passo e chi decide di visitarla non potrà far altro che innamorarsene.

Termoli tra mare, spiagge e alloggi green: la tua vacanza sostenibile in Molise
Foto via Canva Pro

Oggi andiamo alla scoperta di uno dei gioielli molisani, di una città vivace, ricca di storia, affascinante e autentica, di una città di mare che ancora oggi mantiene un carattere genuino e romantico.
La combinazione di spiagge incantevoli, di una mare sempre limpido e di un ricco patrimonio storico-culturale rendono Termoli una destinazione ideale per tutti, per una vacanza di scoperta e relax.

Cosa fare e vedere a Termoli

Cattedrale di Santa Maria della Purificazione
Foto via Canva Pro

Termoli è una piccola cittadina, eppure offre davvero tanto. Un viaggio alla scoperta di questa località non può che partire dal Borgo Antico, il cuore storico della città. Sviluppato su un piccolo promontorio affacciato sul mare, è un incantevole intreccio di vie e viuzze che custodisce delle gemme imperdibili. C’è ad esempio la piazza del duomo, dove si trova la bellissima Cattedrale di Santa Maria della Purificazione. In stile romanico, accoglie le reliquie del patrono San Basso e del compatrono San Timoteo, ai quali i termolesi sono profondamente devoti e legati.

Rimanendo nel centro storico troviamo un altro luogo iconico della città: qualcuno dice che è il vicolo più stretto del mondo, a Ripatransone non sono d’accordo, ma sicuramente La Rejecélle è strettissima e ci passi solo di traverso!

Castello Svevo di Termoli
Foto via Canva Pro

Ci allontaniamo di poco dal Borgo Antico per arrivare a un altro dei simboli di Termoli: è il Castello Svevo, antica fortezza normanna che domina la costa con una cinta muraria imponente. Da non perdere una passeggiata sui camminamenti della fortezza, godendo così di una incredibile vista del mare con cui la città ha un legame sacro e indissolubile. Ma la vista più bella si gode dalla Piazza di Sant’Antonio: da qui lo sguardo arriva sino a Vasto e al Faro di Punta Penna.

Trabucco al tramonto
Foto via Canva Pro

Alla sera, lo spettacolo più affascinante è forse quello dei trabucchi, tipiche e antiche macchine da pesca collegate alla terraferma attraverso una passerella. Alcuni sono ancora in funzione, altri sono adibiti a ristoranti.

Termoli

Ci sono poi le spiagge, che più volte hanno ottenuto il riconoscimento della “Bandiera Blu” e sono perfette per un po’ di relax. Potrai scegliere tra la Spiaggia di Sant’Antonio, vicino al castello, e quella di Rio Vivo, nella zona sud.

I sapori della città

La cucina termolese racconta lo stretto rapporto della città con il mare, in primis, ma anche con il territorio ricco e variegato che la circonda. ‘U bredette è il brodetto di pesce tipico della zona, composto da pesce misto e impreziosito da pomodori maturi, peperoni dolci, prezzemolo, aglio e peperoncino. Ci sono poi le deliziose triglie, i polipi “in purgatorio”, seppie e piselli; tutti impreziositi dell’olio d’oliva prodotto sulle colline vicine.

Il tuo soggiorno green a Termoli

Dimora EFFE, ecobnb a Termoli

Poco fuori dal centro cittadino di Termoli, in una location immersa nel verde in grado di offrire una bellissima vista sul mare, ti aspetta Dimora EFFE. La struttura ha fatto della sostenibilità e responsabilità sociale il suo impegno più grande. Alimentato da un impianto fotovoltaico, arredato con materiali naturali e senza l’utilizzo di plastica, il B&B è la scelta ideale per un soggiorno nella città molisana. Le camere sono accoglienti e curate in ogni dettaglio, la colazione è composta da prodotti biologici e locali.


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 28 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il weekend green ed etichettato , , , , , , . Ecco il permalink.