Avete mai pensato, da convinti amici degli animali, che il Palio di Siena fosse un’inutile carneficina?

Ecco le verità nascoste del Palio senese che mi hanno fatto cambiare idea…

Gli animalisti e il Palio di siena

Ogni anno, in occasione del Palio c’è una levata di scudi di animalisti, spesso non veri, ma dell’ultima ora, che marciano in piazza, sui giornali e su Internet a proposito di veri o presunti maltrattamenti degli animali che si fanno a Siena.

Poi scompaiono, mentre rimangono, a Siena, realtà come la clinica di Radicondoli per gli animali feriti, o l’amore di questi contradaioli che si autotassano per salvare un animale di 23 anni che ormai non può più correre e non ha più modo di far guadagnare nessuno, è di fatto solo una spesa.

Chi è, allora, che maltratta davvero gli animali? Queste persone che appena possono danno conforto agli animali che li fanno divertire e che mantengono vita una tradizione che affonda le sue radici nella notte dei tempi o i disinformati, lestissimi a scandalizzarsi , ma altrettanto lesti a sparire quando i giorni del Palio sono finiti?

Le verità nascoste del Palio di Siena

Perdersi nelle geometrie ardite di Piazza del Campo è facile se la tua guida è Alice De Gergorio, cuore senese DOP e grande senso etico. Con lei si possono approfondire quelle tematiche animaliste attinenti al Palio, spesso oggetto di strumentalizzazione da parte dei mass media. La sentitissima crociata contro i Palii e, in generale, contro qualsiasi forma di sfruttamento agonistico degli animali è condivisa da tutti i cavalieri del paese. Molto spesso, però, si portano a suffragio della propria tesi argomenti del tutto inappropriati e la disinformazione si insinua sottile tra le menti dei ben pensanti.

Pensiamo a tutte quelle forme ippiche di vero e proprio “snaturamento” degli equidi: la stessa corsa, l’incitamento alla competizione, non sono tipici del cavallo. Questo animale è da sempre un predato: l’ultima cosa che lo vedrete fare, se lo osservate in natura, è correre. I cavalli al pascolo occupano l’80% della loro giornata brucando soavemente. La corsa è una reazione di difesa, un segnale di disagio.

Tutte le competizioni, insomma, non sono adatte al cavallo se vogliamo ricondurre la sua figura a quell’ortodossia di metodi e intenti che dovrebbe circondarlo. Di sicuro un cavallo in natura non dovrebbe sottostare nemmeno alla coercizione della monta e della doma. Purtroppo di sovente il Palio si ritrova al centro del palcoscenico mediatico, cui peraltro ha voluto consapevolmente proporsi, con le scelte televisive degli ultimi anni, forse da rimettere per certi versi in discussione.

Two horses eating hay

 

Occorre valutare tutti i Palii, anche quello di Siena, per calcolare quanti maltrattamenti e morti di animali ci sono state – spiega Alice – quando accadono episodi di sfruttamento di animali le notizie fanno il giro del mondo e ledono la nostra immagine e il made in Italy: di sicuro quello che accade qui è una celebrazione quasi evangelica della figura del cavallo, le stesse regole del Palio di Siena lo dimostrano: è sufficiente che all’arrivo giunga il cavallo, anche senza fantino. Il cavallo è il vero protagonista, osannato, coccolato, ospitato addirittura a tavola quando vincente. Una clinica veterinaria è sempre a disposizione per accogliere gli amici infortunatisi durante l’evento; di rado abbattuti, più spesso reimpiegati in ruoli di fattrici o riproduttori.

Il fantino e il cavallo, foto di Capitan Giona, via Flikr
Il fantino e il cavallo, foto di Capitan Giona, via Flikr

Scopriamo, infatti, che negli anni, per evitare il più possibile gli incidenti, è stata selezionata una razza ad hoc, resistente ma al tempo stesso agile e veloce. Un felice connubio tra i purosangue inglesi che campeggiavano nei Palii dei primi anni 70 e il mastodontico Maremmano, cavallone autoctono dal piede franco e robusto. Addirittura ai pressi di Siena è stato ricostruito un campo di lavoro e corsa che ricalca perfettamente la conformazione geo fisica della Piazza del Campo. Con investimenti e profusione di energie incredibili.

Da parte della LAV si rilasciano troppo spesso le solite stantie e biliose dichiarazioni, invocando l’abolizione del Palio e tutti i partiti politici si adoperano per promuovere un animalismo cieco e scoordinato.
Da parte nostra invece, sicuri dopo questa chiacchierata che il Palio sia indubbiamente animal friendly e patrimonio della nostra tradizione, ribadiamo che a Siena la cultura del cavallo è parte stessa della città, e invitiamo tutti a essere più sereni e composti perché il Palio con la sua secolare storia non ha bisogno di tifoserie, ma di cuore, intelligenza e minore pressione mediatica. Non solo folklore, ma vera e genuina PASSIONE.

Personalmente mi sono avvicinata al palio in aperta polemica: un tempo la pensavo come tutti gli animalisti, poi ho dovuto ricredermi davanti ai fatti.

Dunque, da non senese, rifletto sui fatti e mi chiedo: non faremo meglio ad indirizzare i nostri scarsi forzi a tutela degli animali verso le migliaia di amici abbandonati a morire di fame per la strada, anziché improvvisarci una volta all’anno strenui difensori dei diritti degli animali solo quando vediamo il Palio alla TV?

E voi cosa ne pensate?

 

Informazioni utili:

Potrebbero interessarvi anche:

Weekend in bici nelle terre di Siena, alla scoperta della Val di Merse

Cavalcare tra le nuvole in Val Camonica

4 itinerari a piedi, in bici o a cavallo, tra Genova e dintorni

 


Autore: Angela Sebastianelli

Natali parmigiani, una Laurea in giurisprudenza, un impiego di chief editor presso una Casa Editrice e un MBA appena terminato. Poi, tre passioni quasi compulsive: la scrittura, la pittura e gli animali. Nel 2004 prende corpo un esempio della sua vena narrativa che infonde in un primissimo blog; a seguire, una cascata di collaborazioni con diversi siti e testate (PAIS, Total free Magazine ecc.). Pescare dalla Babele quotidiana e riordinarne i pezzi inventando una loro nuova prima volta: questa la sua vocazione, che insegue e persegue su http://mystreamoffecklessness.wordpress.com/. La natura è la sua bussola; il verde, i tramonti che si incendiano all’orizzonte, tutto filtrato dalle orecchie attente di un cavallo, suo compagno instancabile. Il blog di Viaggi Verdi è ora una finestra sul mondo del bello, del green; per pensare, scrivere e parlare di ecologia, sostenibilità e animalismo. Quello convinto, schietto e sincero. Quello di chi gli animali li vive davvero. Da sempre.
Altri articoli di Angela Sebastianelli →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità ed etichettato , . Ecco il permalink.

3 thoughts on “Verità e mito sul Palio di Siena

    • Ciao Antoine, anche Angela la pensava come te. Lei ama particolarmente i cavalli e ha deciso di andare a Siena (non durante il palio) per intervistare diverse persone e approfondire il tema. Così ha scritto questo articolo che abbiamo deciso di pubblicare per mostrare punti di vista differenti su un tema/problema che realmente esiste. Grazie del tuo commento!

  1. “di rado abbattuti,”???.. su tutti i giornali si legge 51 cavalli ammazzati in 43 anni dal 1975…e secondo lei vuol dire di rado?…piu’ 1 all’anno e tanto mi basta per essere contro il palio.
    Poi a riprova dei maltrattamenti l’ultimo dei tanti processi a carico di altri 3 fantini e ad un veterinario è iniziato il 3.12.18.
    Nel palio medioevale non si dopavano i cavalli …ormai è business non tradizione….e lette le sciocchezze dell’articolo, direi che le hanno fatto un bel lavaggio del cervello. Se fosse ancora come nel medioevo….nessuno direbbe niente credo ..ma l’evidenza è sotto gli occhi del mondo, e per fortuna tanta brava gente evita Siena proprio per l’assurdita’ di questa manifestazione….l’esempio piu’ calzante: correre con una formula 1 su una pista per go-kart….questo è l’attuale Palio di Siena…..mi chiedo se tutti i cavalli morti fossero stati fantini…se questa “tradizione” sarebbe stata portata avanti lo stesso….Sono americana ma da tanti anni in Italia, ho 10 cavalli di proprietà, li amo troppo e vederli morire così per nulla mi fa davvero rabbia….x questo dico l’Italia è bella….ma io boicotto Siena cosi come tutte le citta’ dove ancora c’è la barbarie del palio…e faccio pessima pubblicità a questi luoghi.

I commenti sono chiusi per questo articolo.