Guida a Lucca

La migliore cosa da fare a Lucca? Girovagare meravigliandosi…
Le possenti mura, la bella Torre delle Ore che disvela tutta la bellezza e l’armonia del nucleo urbanistico romano, un perfetto connubio tra socialità e spazi inabitati…

 

Chiesa di San Michele
Chiesa di San Michele a Lucca

1. Cosa vedere a Lucca

Piazza dell’Anfiteatro è senza ombra di dubbio, non ce ne vogliano i Pisani, una delle piazze più belle d’Italia. La sua peculiarità sta tutta nella particolare disposizione degli edifici, in un girotondo “chiuso” che lambisce l’antica traccia circolare del vecchio Anfiteatro…

Lucca nasce come cittadina delle torri, nel medioevo ce ne erano circa 250 in tutta la cittadina. Oggi ne restano solo due: la Torre Guinigi e la Torre delle Ore. Scalare quella dei Guinigi è una vera fatica, ma sulla sommità troverete uno straordinario giardino pensile ricco di lecci ombrosi.

Torre Guinigi
Torre Guinigi

La Torre delle Ore possiede invece un suggestivo orologio a carica manuale con il meccanismo a vista... da non perdere!

Capitolo a parte lo fanno le mura: unico esempio di mura moderne arrivate intatte ai nostri giorni. Queste lunghissime e (quanto quattro corsie di autostrada) e impenetrabili alture rendono la città una cittadella da correre e passeggiare: moltissimi gli eventi organizzati lungo le mura e innumerevoli le possibilità di percorrerle in maniera green.

Garmugia, zuppa di Lucca
Garmugia, zuppa di Lucca

2. I sapori e la cucina a km0

La zuppa è di sicuro l’alimento più diffuso in questo francobollo d’Italia da cartolina. Ai legumi tipici si accompagnano pancetta o altri derivati animali. Senza dimenticare le verdure onnipresenti in tutto il panorama culinario toscano, dalla cipolla al cavolo nero, dai pomodori alla zucca. Il farro, così come le lenticchie e i fagioli, è consumato molto spesso con cotiche o verdure.

Tra le zuppe ricordiamo la garmugia: una zuppa di verdure arricchita con pancetta e brodo di carne Gli ingredienti principali sono carciofi, piselli, fave, cipolle e asparagi. E come non accompagnare una succulenta zuppa con una fetta di ottimo pane toscano abbrustolito e condito con olio locale…

Tipico piatto lucchese diffuso in tutta la regione sono i tordelli che richiamano i ‘tortelli’ delle altre regioni. Composti di pane, uova e carne.

Lucca è anche e soprattutto un paradiso vegan per i nostri eco viaggiatori più esigenti: la cucina tipica di Lucca è ricca di sformati di verdure a km0.

Per loro sarà una scoperta anche la buonissima farinata che in Liguria viene utilizzata per la tipica spianata con la farina di ceci, mentre qui invece preparata con farina di mais, borlotti, cavolo nero e pomodoro.

E ancora, sughi di pomodori e capperi e la torta con gli erbi, una squisita torta salata preparata al forno con verdura ed erbe di stagione.

La farina di castagne è quella utilizzata nel castagnaccio e nei necci

Non dimenticate il pesce, in particolare in Versilia, servito sempre freschissimo e a km0.

Un ristorante da tenere sicuramente d’occhio è “Gli Orti di Porta Elisa”, intimo e caratteristico, con piatti tipici locali come la Terrina di pecorino della Garfagnana o la Tagliata di manzo della Mediavalle con rucola fresca di campo.

D’obbligo un assaggio di buccellato lucchese presso la famosa Pasticceria Taddeucci, in piazza San Michele. A Viareggio fermatevi assolutamente alla “Baracchina”, pesce locale rivisitato con maestria e ottimo vermentino da sorseggiare.

Ponte del Diavolo in Garfagnana
Ponte del Diavolo, foto di Graeme Maclean

 

3. La Garfagnana, la Versilia e i dintorni

Il contesto ambientale di Lucca, gemma toscana, è imperdibile: a pochi minuti dal centro c'è il Parco Fluviale del fiume Serchio che vi aspetta per un appassionante trekking o un classico pic-nic. Non distanti i bellissimi borghi di Montecarlo, Capannori e Altopascio, molto conosciuta per il pane.

Il Ponte del Diavolo è un esempio di architettura e ingegneria storico-avveniristica che vi stupirà…  non poco lontano godetevi la Garfagnana, "L'isola Verde" della Toscana, un turbinio di boschi, verde e colline morbide.

Bagni di Lucca è la tipica località intrisa di storia “da bere”, molto british nella sua struttura, fu meta di numerosi anglo-europei per il famoso Casinò e il clima mite e accomodante.

Lungo la costa come dimenticare la Versilia: mondana e ammiccante con Forte dei Marmi e culturale e riflessiva con la sua Torre del Lago Puccini, sede dell’omonimo festival estivo.

Lucca offre anche un fitto panorama collinare con Monte Pitoro ove si tiene il premio ciclistico di città di Camaiore.

Siamo nel bel mezzo della "La Strada dell’olio e del vino". Degustazioni e assaggi sono la parola d’ordine imperante in tutti gli agriturismi e le locande.

Sempre nei dintorni una passeggiata lungo le sponde del lago di Massacciuccoli prima vi permetterà di respirare il profumo degli uliveti secolari e immobili.

Un eco viaggiatore che si rispetti non può dimenticare l’Oasi LIPU presso il Lago di Massaciuccoli.

Pedalare a Lucca
Pedalare a Lucca, foto di Javier G.Valdivia

 

4. Natura, sport e itinerari lenti

Lucca, come tutta la Toscana del resto, si presta a piacevoli e incontaminate passeggiate in bicicletta: l’assessorato al turismo ha realizzato alcuni percorsi guidati che comprendono accompagnamento e affitto di mountain bike.

Partono dal Club Ippico Lucchese, che offre anche interessanti spunti di turismo equestre tra i colli, e muovono alla volta dell’Acquedotto del Nottolini, per arrivare al Serchio in un Sali scendi entusiasmante. Come dicevamo anche le mura della città possono essere percorse in bici, roller, a piedi e… chi più ne ha più ne metta!

Anche l'interno della città vecchia è estremamente pedalabile, essendo quasi del tutto zona a traffico limitato.

A pochi chilometri dalla città si apre il Parco Naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli. Da Torre del Lago fino a Livorno è possibile rivivere l’atmosfera di un mondo ancora intatto, fitti boschi con vegetazione autoctona si aprono poi  su spiagge bianche e incontaminate, incorniciate unicamente da selva e cielo.

I percorsi sono polivalenti, bici o cavallo. Consigliamo vivamente di provare l’ebrezza del contatto con la natura puro… e di attraversare il Parco sul dorso di un cavallo… le galoppate lungo le sterrate o sulla spiaggia saranno indimenticabili.

Tenuta di San Rossore, all'interno del Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli.
Spiaggia di Migliarino, foto via Flickr

5. Dove dormire in città e nei dintorni

Scopri tutte le strutture ricettive ecofriendly della provincia di Lucca, dagli agriturismi biologici circondati da uliveti, ai piccoli B&B incastonati nei borghi antichi, ai campeggi verdi e gli hotels eco-sostenibili affacciati sulle spiagge bianche della Versilia.

Scopri tutte le strutture ricettive ecofriendly a Lucca e provincia

 

Testi di Angela Sebastianelli

Foto di Copertina: foto di Fulvio Ghiringhello, via flickr

 

Alloggi ecosostenibili

La Dama del Bosco casale in Toscana

Pietrasanta (Toscana)

A partire da 295,00 €
Casa Arsella

Viareggio (Toscana)

A partire da 80,00 €
La Locanda di Via della Ralla

Chiesina Uzzanese (Toscana)

A partire da 70,00 €
B&B Torretta a Borgo4case

Camaiore (Toscana)

A partire da 70,00 €
Alpaca Country House

Pontedera (Tuscany)

A partire da 60,00 €
Agriturismo Alle Camelie

Capannori (Toscana)

A partire da 90,00 €
Fattoria Barbialla Nuova

Montaione (Tuscany)

A partire da 70,00 €
Guesthouse/Studio in Calci

Calci (Tuscany)

A partire da 30,00 €
Pania Forata hostel

Stazzema (Toscana)

A partire da 29,00 €
Baita Pania

Molazzana (Toscana)

A partire da 20,00 €
La Casa di Alberto

Calci (Toscana)

A partire da 35,00 €
La Butterfly Relais

Lucca (Toscana)

A partire da 121,00 €
B&B Naturae

Cascina (Toscana)

A partire da 60,00 €
La Casina nel Bosco

Seravezza (Toscana)

A partire da 75,00 €
B&B Casa Betulla

Cascina (Toscana)

A partire da 55,00 €