Via Francigena da Pont Saint Martin a Ivrea

Un cammino tra la Val d'Aosta e il Piemonte tra vigneti, castelli, borghi e segni della storia
  • Tempo di percorrenza: 5 ore e mezzo

  • Difficoltà: Media

  • Perchè ci piace: Questo tratto della Via Francigena è ricco di natura, tra i boschi alle pendici dell'Anfiteatro morenico di Ivrea e i vitigni, ma anche di storia e arte, con i numerosi castelli e solitarie chiesette romaniche.

  • Lunghezza: 22 km

  • Dislivello: 368 m

  • Percorribilità: a piedi

  • Costo: 0 €

  • Il nostro consiglio: Il periodo migliore per questo iinerario è il mese di settembre, quando ci sono ancora temperature estive ma un afflusso minore di turisti

Mappa

Scriveva Goethe: “l’Europa si è costruita in pellegrinaggio”. Ed è proprio questo che la Via Francigena rappresenta: un crocevia di segni, culture e linguaggi dell’Occidente Cristiano. È la via che ha messo in contatto e unito le diverse culture europee.

La via Francigena nasce come itinerario sacro, ma negli ultimi anni si è scoperto un altro tipo di pellegrinaggio volto alla ricerca interiore: non un percorso verso Dio, ma un cammino per ritrovarsi e riscoprirsi e trovando la propria dimensione tra e nella natura.

Oggi ti raccontiamo uno dei tanti percorsi di questa lunga via (che parte da Canterbury per arrivare a Roma). Partiremo dalla bellissima regione della Valle D’Aosta, a Pont Saint Martin, per giungere ad Ivrea, in Piemonte. Pont Saint Martin è un piccolo paese, conosciuto anche come “la porta d’ingresso della Valle d’Aosta”; si trova infatti al confine con il Piemonte. È una cittadina circondata dalle montagne e ricca di storia; da non perdere il meraviglioso Ponte Romano.

Ponte Romano di Pont Saint Martin
Ponte Romano di Pont Saint Martin, foto di benito roveran via Flickr

 

Seguendo l’ottima segnaletica di questo sentiero, passiamo per le strade cittadine e ci dirigiamo verso sud-est, passiamo alcune frazioni di Pont Saint Martin, avvicinandoci sempre di più al confine piemontese. Il sentiero si inerpica tra i vigneti e noi ci facciamo strada tra i gradini ricavati nella pietra, salendo leggermente di quota sino ad abbondare definitivamente la Valle d’Aosta, entrando in zona piemontese. In breve ci ritroviamo su un promontorio erboso, dove si trova la Cappella di San Rocco. Da qui la vista è spettacolare. Riusciamo a vedere tutta la vallata e tutto il centro cittadino di Carema. Scendiamo verso Carema e camminiamo tra i pergolati delle vigne.

Carema e le sue vigne
Carema e le sue vigne, foto di Rachel Black via Flickr

A questo punto bisogna affrontare un breve tratto obbligato sulla statale, raccomandiamo particolare attenzione. Si ritorna presto nei sentieri immersi nel bosco e si arriva a Settimo Vittone e a uno dei complessi architettonici romanici più importanti del Piemonte: la Pieve di San Lorenzo, da sempre importante tappa della Via Francigena. Scendendo lungo un’antica mulattiera si raggiunge il Castello di Montestrutto.

Il percorso prosegue verso la zona dei Balmetti, cantine naturali ricavate negli anfratti della montagna, in cui si conservano vino e salumi. Si raggiunge quindi Borgofranco d’Ivrea. Il cammino prosegue tra le colline moreniche e piccoli borghi medioevali sino ad arrivare nella zona dell’Anello dei 5 Laghi e le incredibili Terre Ballerine (cosiddette proprio per conformità del terreno che lo fa sembrare quasi di gomma: prova a saltare e vedi come tutto si muove!) attraverso una suggestiva passeggiata tra i boschi e i vigneti che circondano il Lago Pistono.

Lago di Pistono
Lago di Pistono, foto di bass_nroll via Flickr

Proseguiamo per pochi chilometri e raggiungiamo Ivrea, città da romantici e inaspettati scorci.

Scorcio di Ivrea e del suo fiume Dora Baltea
Scorcio di Ivrea e del suo fiume Dora Baltea, foto di bass_nroll via Flickr

 

Per riposarti e riprendere le forza da questa lunga camminata, ti consigliamo il B&B Verde Musica, caratterizzato da una calorosa accoglienza familiare e una particolare attenzione alla ecosostenibilità, che va dall’elettricità da fonti rinnovabili al cibo biologico. 

Autore: Chiara Marras

Alloggi ecosostenibili

Casa P'tit Luv

Rueglio (Piemonte)

A partire da 40,00 €
Yurta in Piemonte, Valchiusella

Brosso (Piemonte)

A partire da 20,00 €
Torre Cives

Vidracco (Piemonte)

A partire da 50,00 €
B&B La Campagnetta

Chiaverano (Piemonte)

A partire da 60,00 €
B&B Poesie di Viaggio

Candia Canavese (Piemonte)

A partire da 65,00 €
B&B Cascina Belsito, Biella

Biella (Piedmont)

A partire da 75,00 €
B&B Verde Musica

Borgofranco d'Ivrea (Piemonte)

A partire da 55,00 €
B&B La Coccinella

Graglia (Piemonte)

A partire da 65,00 €
B&B Varionda

Chiaverano (Piemonte)

A partire da 65,00 €
La Maison de grand maman

Champorcher (Aosta)

A partire da 180,00 €
B&B La Maison de la Tante

Champorcher (Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste)

A partire da 70,00 €
Affittacamere La Locanda del Maniero

Issogne (Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste)

A partire da 70,00 €
Barbustel Lac Blanc

Champdepraz (Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste)

A partire da 60,00 €
Yurte Soul Shelter (Om e Shanti)

Gassino t.se (Torino)

A partire da 80,00 €
Rifugio Sogno di Berdzè

Cogne (Valle d'Aosta)

A partire da 20,00 €