Nel Parco Nazionale della Majella

Nel cuore dello spettacolare Parco Nazionale della Majella alla scoperta del fiume Orfento e della sua valle
  • Tempo di percorrenza: 5h30m
  • Difficoltà: Facile
  • Perchè ci piace: Per i boschi che si attraversano, per il gelido fiume Orfento
  • Lunghezza: 14 km
  • Dislivello: 660 m
  • Percorribilità: a piedi
  • Costo: 0 €
  • Il nostro consiglio: Nel bellissimo Parco Nazionale della Majella ci sono tantissimi itinerari!
Mappa

Caramanico Terme è un piccolo ma suggestivo borgo medievali nel cuore del Parco Nazionale della Majella, in Abruzzo. Tra benessere, sport e natura, qui è possibile trascorrere una vacanza all’insegna del relax. A Caramanico Terme scorrono preziose acque sulfuree rendendo il borgo una meta esclusiva per le cure termali. Il nostro itinerario alla scoperta della valle dell’Orfento inizia proprio qui, in questo bellissimo borgo a 613m s.l.m.

Il borgo di Caramanico Terme
Caramanico Terme

Per una vacanza di qualche giorno vi consigliamo di soggiornare presso l’Agriturismo Pietrantica, dove le camere e gli appartamenti sono ricavati dalle ristrutturazioni di vecchi fienili e le colazioni sono biologiche al 100%, o nella Foresteria Casa del Lupo, direttamente gestito dal Parco Nazionale.

Partiamo dalla contrada Santa Croce, vicino al Centro Visita del Parco. Guadiamo un piccolo corso d’acqua, superiamo un ponticello di pietra e attraversiamo una strettoia nella roccia. Ecco che inizia una dolce discesa in direzione del fiume Orfento. Passiamo sul Ponte del Vallone e giriamo leggermente a destra, costeggiando il fiume. Proseguiamo fino al Ponte San Benedetto, dopo il quale inizia una salita che ci porta in località Piscia Giumenta. Qui troviamo un sentiero stretto di 100m, sospeso sul fiume, attrezzato con corda d’acciaio. Proseguiamo sempre in salita, circondati da un meraviglioso bosco. Superiamo il Ponte della Pietra, sotto il quale scorre l'Orfento.

Valle dell'Orfento
Valle dell'Orfento, foto di Francesco Moscone via Flickr

Proseguiamo verso destra sino alla radura della Cesa. Ancora qualche ripida salita e arriviamo al Guado Sant’Antonio, dove ci aspetta una vista straordinaria sulla montagna del Morrone, sul Gran Sasso e sulla Valle dell’Orta. Qui inizia il sentiero che scende tra prati e boschi che ci porta a San Nicolao, di nuovo nel comune di Caramanico Terme.

 

 

Autore: Chiara Marras

 

Ti potrebbero interessare:

Da Assisi a Bevagna

La Voladora

 

Alloggi ecosostenibili

Casa vacanza Poesia d'abruzzo

Caramanico Terme (Abruzzo)

A partire da 65,00 €
Agriturismo Pietrantica

Caramanico Terme (Abruzzo)

A partire da 70,00 €