Il gigante di Curinga

Uno dei patriarchi italiani, il Platano di Curinga (Cz), una meraviglia della natura che da mille anni vive lontano dai riflettori.
  • Tempo di percorrenza: 10 minuti

  • Difficoltà: Famiglia

  • Perchè ci piace: Perchè è un'opera d'arte vivente.

  • Lunghezza: 1 km

  • Dislivello: 30 m

  • Percorribilità: a piedi

  • Costo: 0

  • Il nostro consiglio: Un itinerario adatto a tutti e in tutte le stagioni.

Mappa di Curinga, dove si trova il platano orientale più grande d'Italia

E' molto probabile che sia stato piantato dai monaci basiliani che, circa mille anni fa, vivevano nel vicino eremo di Sant'Elia di cui, oggi, si possono ammirare le rovine.

I resti dell'eremo di Sant'Elia, Curinga, Calabria

L'escursione, infatti, parte proprio dall'eremo e, percorrendo un breve e scosceso sentiero che si inoltra nel vicino bosco di Pino Nero, raggiunge questa meraviglia della natura che vive a fianco ad un piccolo corso d'acqua, nel silenzio, lontano dai rumori della civiltà.

Il Platano Orientale più grande d'Italia, in Calabria

Le sue imponenti radici, sostengono un tronco cavo della circonferenza di circa 16 metri, all'interno del quale possono entrare comodamente una decina di persone e che funge da grotta naturale per pipistrelli ed altri animali notturni. In più punti il tronco risulta cavo e queste finestre naturali permettono alla luce di entrare e rendere visibile il suo interno forse annerito da alcuni principi di incendio. Si tratta certamente del più grande e longevo Platano Orientale vivente in Italia che merita di essere conosciuto e abbracciato.

Il Platano Orientale più grande d'Italia, in Calabria

 

Ti potrebbero interessare:

Alla Cascata del Campanaro

All'antico borgo di Marcaglione

 

Alloggi ecosostenibili

Jacurso da Vivere e Imparare

Jacurso (Calabria)

A partire da 40,00 €