Guida a Chieti - Abruzzo

A un’oretta dal Parco nazionale della Majella, a poco più dal Parco Nazionale d’Abruzzo, vicinissima al mare e visitabile in una giornata: ecco Chieti, piccola città monumentale, ricca di bellezze squisitamente italiane, immersa tra i borghi antichi e la macchia boschiva.
Chieti, Abruzzo, strada in salita tra antiche case colorate
Chieti, Abruzzo, foto di Daniele Nicolucci, via flickr

1. Cosa vedere a Chieti

È davvero facilmente percorribile in una sola giornata la piccola Chieti.

Si può partire dall’Anfiteatro romano, parte di una Parco Archeologico di invidiabili dimensioni, riscoprendo la cultura che risiede in ogni angolo dell’Italia di oggi.

Un’altra interessante area archeologica racchiude templi romani devoti alle divinità pagane, ben conservati e da scoprire con calma e lentezza. Allontanandosi, poco distante, troverete Piazza Gian Battista Vico, un’accozzaglia di stili ed elementi da fare invidia ad un quadro futurista. Dal tardo gotico al rinascimentale, con decisi echi del periodo fascista.

L’altra perla è la Cattedrale di San Giustino, antichissima e solenne, che racchiude una cripta splendida, ricca di affreschi e marmo. Un vero ristoro per gli occhi e l’anima.

La particolarità è il piccolo Teatro Vecchio, minore rispetto al Teatro Marrucino principale ma splendido dal punto di vista della facciata: colorata con tonalità rosso mattone e rosso Pompei, davvero caratteristica e pittoresca.

Altrettanto pittoreschi i vicoletti del centro, che danno quasi l’impressione di trovarsi in una piccola Liguria del sud, con gli infissi verdi e i pavimenti lastricati.

Non perdete Villa FrigerJ con i suoi spettacolari giardini, alberi secolari e fontane con giochi d’acqua spettacolari lasceranno sicuramente il segno.

Parco della Majella, Abruzzo
Parco della Majella, foto di Luigi Alesi, via flickr

 



2. Il Parco Nazionale della Maiella, le cascate del Rio Verde e dintorni

ll territorio di Chieti si divide idealmente tra passato e presente. Le sue radici affondano in epoche remote. All'interno della provincia ci sono diversi centri di interesse storico-culturale, come Vasto e il suo castello da scoprire o Lanciano e le sue catacombe, una tappa imprescindibile per gli appassionati del genere.

Non dimentichiamo la medievale Guardiagrele, definita capitale del ferro battuto e Rocca S. Giovanni, uno dei "Borghi più belli d'Italia", ancora Fossacesia, con la stupenda abbazia di San Giovanni in Venere.

Fara San Martino merita qualche parola per il suo antico e suggestivo centro longobardo ma ancor più per i suoi marchi di eccellenza De Cecco, Del Verde e Cocco, produttori di pasta insuperabile.

Famosissimi i calanchi della valle dell’Alento e della valle del Foro che troverete a Fara Filiolum Petri, Bucchianico e le cascate del Rio Verde a Borrello: un salto d’acqua a tratti cristallina di circa 200 m. Sono le cascate naturali più alte d'Italia e tra le maggiori d'Europa.

Bellissimi anche i due laghi artificiali di Bomba e Casoli e la piccola oasi di Serranella. La montagna, che muove dai piedi del Parco Nazionale della Majella, offre tanticentri di sport invernali come la Maielletta, Passo Lanciano ecc.

Lo spettacolare litorale di Punta Aderci (o Punta d'Erce), è soprannominato
Punta d'Erce, Abruzzo. Foto di Federico Dessardo, via Flickr

3. Natura, sport e itinerari verdi

Non dimentichiamo la costa, di finissima sabbia dorata punteggiata da scogliere sempre più alte e spettacolari che culminano nello stupendo litorale roccioso della Riserva Naturale di Punta d'Erce che ricorda le scogliere della Cornovaglia e della Bretagna.

Proprio sulla costa godetevi una passeggiata sui lidi costellati dai "trabocchi", leggere palafitte legate alla terraferma da movimentate passerelle che resistono, ostinate, alle onde. Immobili e giganteschi, come mostri sospesi sul mare, induriti dal sale e accarezzati dai pesci.

L’Abruzzo conserva una notevole tradizione enologica e i suoi vini sono conosciuti e apprezzati  in tutto il mondo. Tra i vini tipici i più noti sono il Montepulciano, il Trebbiano ed il Cerasuolo, vini con Denominazione d’Origine Controllata. Guida green, Abruzzo
Foto di Daniele Di Carlo, via Flickr

4. I sapori e la cucina a km 0

Chieti porta in tavola gli aromi della montagna mescolati con maestria ai sapori del mare. Innanzitutto non si può parlare di Abruzzo senza parlare degli arrosticini. Spiedini di carne di pecora tagliata a piccolissimi cubetti, infilzati uno sull'altro come in un curioso pallottoliere quadrato. Si cuociono alla fornacella, o direttamente sul fuoco vivo.

Non tutti sanno che questa provincia ha il primato indiscusso nella produzione della pasta, ottima la pasta alla chitarra, pasta all'uovo stesa su uno strumento chiamato chitarra e pressata con un mattarello fino a formare, attraverso i fili della chitarra fili molto sottili. Condita con sugo, ragù di carne bovina o di pecora e accompagnata da un buon Montepulciano d’Abruzzo.

Prelibatezza tipicamente regionale è la porchetta. La troverete lungo tutte le strade abruzzesi; provatela bollente a L'Altro Pianeta, in zona Colle Marcone, dove potrete gustare prodotti tipici di stagione, rigorosamente km 0. Finiamo i piatti della terra con le pallotte cac’ e ov’, polpette fatte di formaggio e uova, amalgamate con pane raffermo bagnato, a galla su una buona quantità di sugo. 

Andando verso le tipicità di mare, non perdete il famoso brodetto alla vastese, con i frutti del mare e della terra: ortaggi e pesci cucinati assieme, serviti con pane. L'ottimo pesce potrete gustarlo lungo la costa teatina al ristorante-tavola calda “Stasera pago io” a Rocca San Giovanni. Annaffiate il tutto con vini del territorio. Montepulciano e Trebbiano d’Abruzzo.

Situato ai margini della costa adriatica in una posizione leggermente elevata, Vasto è una città ricca di storia, con un centro ben conservato e le limpidissime acque della zona danno la possibilità, agli amanti delle immersioni, di osservare numerose specie animali e vegetali. Guida green, Abruzzo
Costa Adriatica, Vasto. Foto di AaronP65, via Flickr

5. Dove dormire in città e nei dintorni

Scopri tutti gli alloggi eco-sostenibili in provincia di Chieti: hotel bio, piccoli bed & breakfast con vista mare e le numerose aziende biologiche.

Scopri tutte le strutture eco-friendly a Chieti e privincia

Testi di Angela Sebastianelli

Foto di copertina di: AaronP65, via Fickr

Alloggi ecosostenibili

Agriturismo L'Aperegina

Corvara (Abruzzo)

A partire da 130,00 €
la Dependance nell'uliveto

San Vito Chietino (Abruzzo)

A partire da 90,00 €
B&B Bio-Casa Quarto a Monte

Casoli (Abruzzo)

A partire da 70,00 €
Casale il Baronetto

Castiglione Messer Raimondo (Abruzzo)

A partire da 65,00 €
Bioagriturismo La Quercia

Atri (Abruzzo)

A partire da 64,00 €
Isola dei Calanchi

Atri (Abruzzo - Italia)

A partire da 60,00 €
Casa vacanza Poesia d'abruzzo

Caramanico Terme (Abruzzo)

A partire da 65,00 €
Panfilo Farmhouse

Cellino Attanasio (Abruzzo)

A partire da 50,00 €
Relais Borgo sul Mare

Silvi (Abruzzo)

A partire da 60,00 €
Agriturismo Pietrantica

Caramanico Terme (Abruzzo)

A partire da 70,00 €
La voce della luna

San Vito Chietino (Abruzzo)

A partire da 50,00 €
Montegualtieri Guest House

Cermignano (Abruzzo)

A partire da 14,00 €
B&B Il fosso del gallo

SILVI (TE - Teramo)

A partire da 70,00 €
Casa Vacanza Il Bosco dei Daini

Fara San Martino (Abruzzo)

A partire da 60,00 €
B&B Rifugiomare

Rocca San Giovanni (Abruzzo)

A partire da 100,00 €