È passato più di un mese dalla fine COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021. Si è detto più volte di come non sia stato fatto abbastanza. Adesso che il 2021 sta terminando vogliamo sì ribadire quanto sia necessario fare di più, ma anche ricordare una delle decisioni che sono state prese durante la conferenza. Come la Dichiarazione di Glasgow a cui aderisce anche Ecobnb.

Durante la COP26, alcune delle più grandi aziende del mondo del turismo si sono infatti unite ai governi impegnandosi a dimezzare le emissioni entro il 2030 e raggiungere il Net Zero entro il 2050 al più tardi.

La Dichiarazione di Glasgow

La Dichiarazione di Glasgow con cui il turismo si impegna a ridurre le emissioni del settore
Foto via Canva Pro

Come si legge nel sito di UNWO, la Dichiarazione di Glasgow riconosce l’urgente necessità di un piano coerente a livello globale per il clima nel turismo. In un settore altamente frammentato e caratterizzato da un gran numero di aziende private, questo impegno potrebbe rappresentare una svolta epocale. Ogni firmatario si impegna a:

  • misurare e condividere dati sugli impatti ambientali del settore,
  • decarbonizzare riducendo le emissioni,
  • rigenerare gli ecosistemi,
  • finanziare progetti atti a raggiungere gli obiettivi stabiliti.

I firmatari inoltre devono fornire un piano d’azione per il clima, o un piano aggiornato, entro 12 mesi dalla firma.

Un passo importante vero il turismo sostenibile

Turismo sostenibile
Foto via Canva Pro

Il segretario generale dell’Unwto, Zurab Pololikashvili, ha sottolineato che “la Dichiarazione di Glasgow è uno strumento per aiutare a colmare il divario tra buone intenzioni e azioni significative”. Gli oltre 300 stakeholders che hanno firmato il documento dovranno portare avanti importanti iniziative in modo da trasformare il turismo e fornire una risposta efficace per il clima e il nostro pianeta.
Sappiamo che il turismo è sia colpevole che vittima dei cambiamenti climatici ed è arrivato il tempo di agire. Di cambiare il nostro modo di viaggiare per salvare il pianeta. Ecco perché anche Ecobnb, da sempre impegnata a promuovere il turismo sostenibile, ha firmato la Dichiarazione di Glasgow.


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 28 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il news ed eventi ed etichettato , , . Ecco il permalink.