Una campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e scelte di vita sostenibili: M’illumino di meno torna il 24 febbraio per il tredicesimo anno consecutivo.

M'illumino di meno 2017

La campagna M’illumino di meno nasce nel 2005, da un’idea di Caterpillar, un programma di Rai Radio2. La giornata, sempre organizzata a febbraio, mese in cui ricorre l’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, prevede eventi in tutta Italia, e insieme a tantissimi cittadini, anche numerosi monumenti italiani -ma non solo- verrano spenti per qualche ora, come gesto simbolico di una battaglia contro gli sprechi energetici e l’inquinamento sempre più importante.

Per quest’anno, gli organizzatori di M’illumino di Meno invitano tutti coloro che aderiscono anche a compiere un gesto di condivisione, sempre con lo scopo di combattere lo spreco di risorse. E così, almeno il 24 febbraio, condividiamo l’auto con i nostro colleghi, organizziamo un cena collettiva con tutto il condominio, condividiamo i nostri oggetti come il trapano o la lavatrice con amici e conoscenti, condividiamo la nostra casa con i turisti.

La giornata coinvolge ogni anno tantissimi comuni, e nel corso di questi anni numerosi monumenti e importanti piazze sono rimasti al buio, dal Duomo di Milano a Piazza San Marco a Venezia, ma anche la Torre Eiffel a Parigi e la Custom House a Dublino e, proprio quest’anno, anche il Parlamento europeo a Strasburgo.

Ora, la giornata di M’illumino di Meno potrebbe diventare un appuntamento istituzionale. Viene infatti presentata questi giorni la proposta di legge per trasformare l’iniziativa nella Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili. Sarebbe un modo ancora più efficace per informare e sensibilizzare i cittadini italiani verso quei comportamenti che rispettano l’ambiente.

Noi di Ecobnb, vi auguriamo un Buon M’illumino di meno! Spegniamo insieme tutte le luci!

 

Ti potrebbero interessare anche:

Le destinazioni sostenibili da visitare quest’anno

Quanta CO2 risparmi se scegli un hotel verde?


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 28 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il news ed eventi ed etichettato , . Ecco il permalink.