Chefchaouen è una città unica al mondo. Immersa nelle bellissime montagne del Rif, nel nord del Marocco, ti accoglie con le sua case, le sue porte e le sue scale dipinte di blu.

Chefchaouen, la città blu del Marocco
Foto di Hugues via Flickr

Sino agli anni ’50 è rimasta sconosciuta ai turisti che non potevano entrare in quanto località sacra. Ma oggi numerosi viaggiatori arrivano in questa accogliente cittadina per ammirare la sua medina (la città vecchia) blu.

Chefchaouen, la città blu del Marocco

La città è un gioiello architettonico, tanto da essere stata dichiarata Patrimonio UNESCO nel 2010: il blu delle case, scelto dagli ebrei che arrivarono qui, si mescola con le architetture moresche e quelle andaluse creando una città che ti lascerà senza fiato.

Chefchaouen, la città blu del Marocco
Foto di Erik G. Trigos via Flickr

Potrai passeggiare, tra le scalinate e i giardini, nella vivace medina, dove non mancano i ristoranti per gustare le tipiche tajine, fare shopping nei negozi della piazza principale Place Una el-Hammam e ammirare una delle otto moschee, la Grande Mosquée (XV secolo) con la sua pittoresca torre ottogonale.

Appena fuori da Chefchaouen troverai il Parco Nazionale di Talassemtane, un luogo meraviglioso considerato la migliore destinazione per il trekking di tutto il Marocco.

Foto di copertina di Singa Hitam via Flickr

Ti potrebbero interessare:

Giethoorn, la città dove non esistono strade

Da Parco a Lago, da Lago a Parco: la reversibilità della Natura


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 28 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità ed etichettato , . Ecco il permalink.