Anche voi siete sempre in cerca di ispirazione per i vostri viaggi sostenibili? Oggi vi presentiamo la travel blogger Elisa Anardu e il suo blog pieno di consigli e itinerari interessanti, in particolare per il Sud America. Nel 2004 Elisa ha lasciato per la prima volta l’Italia, insieme a suo figlio, verso le Canarie. Così ha vissuto 5 anni tra Tenerife e La Gomera, circondata da una natura incontaminata, da paesaggi vulcanici e incredibili spiagge. Qui ha conosciuto il suo futuro compagno, uruguaiano, con cui è tornata in Italia nel 2009. Dall’oceano alle montagne di Bolzano e poi, dopo 4 anni, Elisa si è trasferita in Uruguay dove è nato il suo blog.

travel blogger Elisa Arnadu

Cosa significa per te viaggiare?

Viaggiare per me significa aprire la mente, uscire dagli schemi e vedere la vita da una nuova prospettiva. Inoltre viaggiare rispettando la natura e l’ambiente circostante sono elementi fondamentali del mio viaggio.

La citazione che rispecchia il tuo modo di viaggiare?

La vita è come un libro se non viaggi hai letto solo la prima pagina!
Il mio problema è che non riesco a stare ferma per molto tempo in un posto, ho bisogno di conoscere ed esplorare posti nuovi… se mi fermo e come se mi mancasse il fiato!

Come è nato il tuo blog?

blog di viaggi Elisa Arnadu

Il mio blog è nato nel 2012 quando mi sono trasferita in Uruguay e ho sentito la necessità di raccontare con parole e foto dei posti che visitavo. Peccato che non ci fosse questa possibilità dei blog anni fa, invece di tenere solo il mio diario di viaggio e albo di foto nel cassetto avrei scritto gli articoli online! Ma meglio tardi che mai! Con il mio blog vorrei trasmettere le emozioni tramite la fotografia (che è la mia passione) e raccontare dei miei viaggi in mezzo alla natura e a volte in qualche città pittoresca. Viaggio spesso anche con la tenda e famiglia per visitare riserve naturali e animali del posto. Amo sia il mare che la montagna.. ma devo ammetterlo ho un debole per un continente in particolare: il Sudamerica!

Il tuo consiglio per viaggiare in modo diverso, e più sostenibile?

Per viaggiare in modo sostenibile e diverso è importante non scegliere i soliti pacchetti da villaggio turistico tutto incluso. Quindi anche mete diverse dal turismo di massa. Ma anche se si sceglie un posto molto turistico da visitare si può comunque puntare su alloggi locali anziché hotel famosi o di lusso che non sostengono l’economia locale del paese. Cercate anche ristoranti gestiti da persone del luogo e cibo locale!

Una destinazione o itinerario di viaggio da non perdere?

Tra i posti che ho visitato fino adesso, quello che mi è rimasto nel cuore è stato il mio primo viaggio nell’America latina in Messico e Guatemala! Nonostante gli anni passati sento ancora i profumi ed odori e riesco ad immaginare i colori e paesaggi stupendi di questi paesi! Paesi ricchi di cultura, storia e ancora molti indigeni orgogliosi e fieri di esserlo! Per non parlare dei templi Maya ed Aztechi che sono spettacolari… In Guatemala ho messo anche per prima volta piede nella foresta!

Guatemala e templi Maya

Vorremmo sfatare il mito che viaggiare sostenibile sia più costoso: il tuo suggerimento per viaggiare responsabile e risparmiare?

Non è vero che viaggiare sostenibile è più costoso, basta scegliere bene i luoghi dove mangiare e alloggiare. Prima di partire farsi un idea dell’itinerario, usare anche mezzi pubblici come bus o treni, quando possibile anche la bici. Il viaggio fai da te va quasi sempre bene se si ha tempo e voglia di organizzarlo.

Tre blog di viaggio che vorresti consigliare ai nostri lettori?

I blog di viaggio che consiglierei sono:

Ti potrebbero interessare anche:

Il tuo viaggio sostenibile

Viaggiare libera, la vita e il blog di Valentina


Autore: Chiara Marras

Sono Chiara, 28 anni, una laurea in tasca e tanti progetti in mente. Credo fortemente nel web come punto di scambio e divulgazione e penso che uno dei temi più urgenti in questo momento sia l'eco-sostenibilità. Perché allora non riscoprire il viaggio come unione con la natura e con la cultura locale?
Altri articoli di Chiara Marras →


Questo articolo è stato pubblicato il curiosità ed etichettato , . Ecco il permalink.