Guida a Salerno - Campania

Mare e gabbiani... una lunga passeggiata silenziosa scandita dagli scogli della Costiera Amalfitana. Spettacolo unico di luci ed emozioni che non riuscirete a eguagliare con nessun altra costiera italiana. Una vacanza all’insegna delle tradizioni e delle camminate, della natura e del benessere.
Veduta mozzafiato della costa salernitana, foto di grazie davvero via Flickr
Veduta mozzafiato della costa salernitana, foto di grazie davvero via Flickr

1. Cosa fare a Salerno

Diversamente da tutte le cittadine campane, Salerno preserva quell’identità un po’ medievale e lombarda, che palpita solitaria dalle rovine del Castello e dal suo panorama che da 275 metri scopre tutto il golfo.

Difficile da raccontare, Salerno si presenta tortuosa e arzigogolata, con viuzze che non possono non ricordare i carrugi genovesi. Tutto questo arrocco medievale lascia il posto lungo la costa a una spianata di hotel e palazzi, animati e maestosi.

Il centro storico, attraversato dalla Via dei Mercanti è molto verde e ricco di parchi, come il Giardino Minerva e il Parco Pinocchio, nato per i bambini che ospita un bell’anfiteatro: ottimo punto di partenza per fare escursioni, trekking o semplici passeggiate sulle montagne e colline circostanti, come la montagna del Castello di Arechi, sul Monte Stella e sulle montagne di Giovi.

Pane, mozzarella, olio d'oliva, alcuni prodotti tipici della costiera cilentana e amalfitana, culla della dieta mediterranea.
Prodotti tipici della costiera cilentana e amalfitana, culla della dieta mediterranea.

2. I sapori tipici e la cucina a km0

La gastronomia è varia e soprattutto ricchissima: torte salate ripiene di scarola e altre verdure, tortelli ripieni di castagne e freschissimo pesce.

Nel centro storico medievale gustate i primi come la pasta e fagioli al lardo, scaldata nel forno in forni a legna d’epoca, la parmigiana di melanzane famosa in tutta la regione, la milza imbottita, i calzoni e il baccalà.

La Taverna Santa Maria de Domno, scavata in una chiesa longobarda vi potrà offrire quell’atmosfera di antichità mai sopita di cui Salerno è intrisa: ingredienti come il farro, il radicchio, la scarola e la gustosa mozzarella di bufala.

Rimanendo in tema di antichità la pasticceria Pantaleone, fu ricavata da una cappella sconsacrata e produce cannoli, sfogliatelle e Montebianco da togliere il fiato.

A Salerno non si può dimenticare il Bar Nettuno, storica gelateria sul lungomare famosa per le brioches ripiene di gelato e per la buona rosticceria campana.

L’enoteca Provinciale l’Azienda Cantine Barone produce un ottimo fiano biologico.

Il fiano biologico è un vino ottenuto da colture estremamente naturali con utilizzo minimo di prodotti agronomici a bassissimo impatto ambientale.

Le uve dell’azienda provengono tutte da vitigni Aglianico e Fiano, e hanno la caratteristica peculiarità della terra argillosa e calcarea del Cilento.

Il Cilento è una subregione montuosa della Campania in provincia di Salerno, nella zona meridionale della regione, dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità.
Foto di Melanie Bateman via Flickr
Vista sulle montagne nel parco nazionale del Cilento, foto di Melanie Bateman via Flickr

3. Costa Amalfitana e dintorni

Un viaggio nei dintorni di Salerno è un viaggio alla scoperta della Costiera Amalfitana, a partire da Amalfi, la "regina" incontrastata di questo Eden tutto nostrano.

Pietra preziosa incastonata a ridosso del mare, scappa e si forgia dai monti. La prima tappa è il Duomo, che presidia il Golfo dall’alto di una fitta scalinata. Un’atmosfera senza tempo, mistica e quasi asiatica con le preziose lamine d'oro e il Chiostro del Paradiso.

Il borgo marinaro è tutto da camminare fra viuzze e bottegacce animate. Una capatina alla Grotta dello Smeraldo nei pressi di Conca dei Marini con il meraviglioso contrasto fra il bianco delle case e i colori vivaci della natura mediterranea appagherà occhi e cuore.

A Praiano visitate la Chiesa Parrocchiale di San Luca che affaccia diretta sull'arcipelago delle Sineruse, verso l'isola di Capri.

Per chi ama la musica non si può dimenticare il celebre festival di Ravello. Concerti di musica classica in una cornice d’eccezione a picco sul mare.

Il Cilento, cuore della “Campania felix” offre itinerari ecoturistici ed escursioni dal Parco Nazionale, con la sua macchia mediterranea fatta di ginestre e rosmarino, al Monte Cervati e alle Grotte di Camerota. Non ci siete mai stati?

Beh il Cilento è ancora tutto da scoprire, bello e incontaminato, con pianure verdi e fresche, spiagge irresistibili e templi degni di un isolotto greco.

Non perdete "Porta Rosa", arco greco ancora intatto e la cultura enogastronomica tipica di una terra antica e affascinante.

Parco Nazionale del Cilento, foto di Irene Grassi via Flickr
Parco Nazionale del Cilento, foto di Irene Grassi via Flickr

4. Natura, sport e Itinerari slow

Da sconsigliare vivamente a chi soffre di vertigini, il Sentiero degli Dei collega Agerola, un paesino sulle colline della Costiera Amalfitana, a Nocelle, frazione di Positano. Si tratta di una passeggiata di una bellezza sconvolgente, a spasso tra le nuvole, con la netta sensazione di trovarsi un paradiso terreno.

Comincia da Bomerano, frazione di Agerola o da Praiano (ma si raggiunge attraverso una scalinata non adatta a tutti).

Si inerpica attraverso fitta boscaglia e aperture inaspettate a scorci si mare rubati.

1500 gradini vi dividono da Arienzo con la sua spiaggia caraibica. Agerola, altra tappa del sentiero, è famosa per il fiordilatte, da mangiare durante il tragitto con un buon boccone di pane locale.

Spostandosi in Cilento, da Palinuro, piccolo e suggestivo borgo, parte per un imperdibile itinerario a piedi perso tra coste, falesie e incantevoli spiagge.

Si percorrono Camerota e la baia di Cala Fortuna, in un una danza di declivi scoscesi, grotte e sassi.

Per gli appassionati di mare e alta quota non si possono perdere i paesini medievali di Trentinara, Soprano, Sottano, e Capaccio, che custodisce la madonna nera simbolo della terra e della fertilità.

Si può partire da Perdifumo (a nord di Acciaroli) per giungere Sella di Corbara (700 metri), e alla Pietra di Mulaccio, con enormi monoliti in sasso.

Dal monte Stella si scende poi verso San Mauro Cilento, con i suoi fichi bianchi e le castagne da raccogliere e cucinare!

La costiera amalfitana e Capri, in fondo, dal Sentiero degli Dei a Praiano. Maritè Toledo via Flickr
La costiera amalfitana e Capri, in fondo, dal Sentiero degli Dei a Praiano. Maritè Toledo via Flickr

5. Dove dormire in città e nei dintorni

Scopri tutte le strutture ricettive ecofriendly della provincia di Salerno, dagli agriturismi biologici circondati da uliveti secolari, ai piccoli B&B con vista sui trulli, ai bellissimi campeggio e villaggi affacciati sul mare turchese. 

Scopri tutte le strutture ricettive ecofriendly a Salerno e provincia

Foto di copertina: Panorama di Salerno, foto di tomfkemp via Flickr

Alloggi ecosostenibili

B&B Vietri 360

Vietri Sul Mare (Campania)

A partire da 70,00 €
Monolocale con balconcino

Pontecagnano Faiano (Campania)

A partire da 50,00 €
Dimora Carlo III

Raito (Campania)

A partire da 60,00 €
La Terrazza Family Holidays

Sorrento (Campania)

A partire da 120,00 €
La Valle del Dragone

Ravello (Campania)

A partire da 80,00 €
B&B Nido degli Dei

Agerola (Campania)

A partire da 60,00 €
Guesthouse Pompei Il Fauno

Pompei (Campania)

A partire da 60,00 €
B&B Il Giardino di Tonia

Torre Annunziata (Campania)

A partire da 55,00 €
Agriturismo Barone Antonio Negri

Salerno (Campania)

A partire da 90,00 €
B&B Nevera

Salerno (Campania)

A partire da 60,00 €
Partenope e la Costiera Amalfitana

Agerola (Campania)

A partire da 55,00 €
Costiera amalfitana Casetta tipica

Conca dei Marini (Campania)

A partire da 100,00 €
Casa Batu'

Salerno (Campania)

A partire da 170,00 €
Il cannito

Paestum (Campania)

A partire da 280,00 €
Gli Ulivi Agriturismo

Sant'Agnello (Campania)

A partire da 62,00 €