Lastè delle Sute Lagorai

Un percorso a piedi tra silenziosi boschi e ampie radure ricoperte da cespugli di mirtillo, che si inerpica poi tra cime rocciose e che incanta lo sguardo con stupendi panorami su queste terre ancora selvagge
  • Tempo di percorrenza: 5-6 ore

  • Difficoltà: Media

  • Perchè ci piace: per i luoghi selvaggi e poco frequentati che lasciano spazio al suono dei boschi e al silenzio delle cime. Per l'avventura nel percorrere l'ultimo tratto, dove il sentiero si fa strada tra i lastroni di porfido, dove soltanto il muschio e qualche fiore coraggioso trovano dimora

  • Lunghezza: 10 km

  • Dislivello: 1100 m

  • Percorribilità: a piedi

  • Costo: free

  • Il nostro consiglio: se vi piace la montagna nei suoi colori autunnali, questo è un ottimo itinerario da percorrere tra settembre e ottobre

 

L'itinerario tracciato sulla mappa

 

Lagorai – cima Lastè delle Sute

Questo gruppo montuoso del Trentino si estende in un'area che va dalla val di Fiemme (a nord), la catena delle Pale di San Martino (a est) e la Valsugana (il confine meridionale). E' un luogo sicuramente secondario rispetto ad altri gruppi montuosi vicini, non certo per la sua minor bellezza, ma molto più per l'assenza di famose cime e pareti come quelle dolomitiche, che hanno appassionato centinaia di alpinisti ed escursionisti. Questo contribuisce a rendere il luogo particolarmente selvaggio. Se deciderete di avventurarvi lungo questo itinerario, non stupitevi se non incontrerete molti altri escursionisti durante il percorso!

 

Un panorama autunnale sui Lagorai: montagne, prati, abeti
Lagorai in autunno - foto di Nicola Cagol

  

L'itinerario parte dalla Val Campelle, che si raggiunge attraversando il piccolo paese di Pieve Tesino. Indossati gli scarponi nei pressi del ponte di Conseria, si segue una strada forestale che, attraversando il bosco di abete rosso, giunge alla Malga Valsorda Prima. Gli ampi prati circostanti sono ottimi per il pascolo di vacche e pecore.

 

Un piccola agnellino
Agnellino - foto di Nicola Cagol

 

Dalla malga si imbocca una traccia che risale fino al passo di Val Cion (2072m) attraversando un pezzo di bosco di abeti rossi e dei prati ricoperti di mirtilli. Se si arriva qui nella giusta stagione portatevi un cestino o preparatevi a farne scorpacciate! Da questo ventoso punto, sono bene visibili le cime dolomitiche della val di Fassa e Fiemme.

 

prati ricoperti di cespugli di mirtilli e montagne dai pendii dolci
Verso il Passo di Val Cion - foto di NIcola Cagol

 

Dal passo si prosegue lungo il sentiero E316 che prosegue lungo la costa del Col dei Fiori. L'esposizione del sentiero offre una perfetta vista su Cima d'Asta, la più alta del gruppo con i suoi 2847m di granito compatto, che si trova sul versante opposto.

 

l'imponente granitica parete Nord di Cima d'Asta, la vetta più alta di tutta la catena dei LAgorai
Cima d'Asta - foto di Nicola Cagol

 

Un tortuoso sentiero tra roccioni si addentra poi tra cima Lagorai e Cima Lasté delle Sute. Il panorama muta, compare il lato più aspro dei Lagorai. Storicamente, queste zone sono state interessate dal primo conflitto mondiale: furono scavate trincee e caverne e molte vette vennero fasciate di filo spinato. I segni sono ancora ben visibili, le cime rimangono testimoni silenziosi di sofferenze e fatiche.

 

del filo spinato rimasto tra le rocce del pendio
Resti della Prima Guerra Mondiale - foto di Nicola Cagol

 

Si giunge così alla forcella Lagorai (2368m) dalla quale si gode di una magnifica vista sui Laghetti Lagorai, due piccole pozze di acqua azzurrissima, che si costeggiano seguendo un sentiero alto (E321) che dalla forcella si snoda sulla destra.

 

Uno dei due laghi Lagorai visto dall'alto. Acqua azzurrissima, che riflette il cielo
Laghetti Lagorai - foto di Nicola Cagol

 

Il sentiero si tramuta in una passerella di lastroni di porfido. Si scavalca una parete rocciosa, attrezzata con apposite scalette e filo metallico, installate per facilitare il passaggio, e ci si ritrova sul versante opposto, dove il sentiero prosegue sotto la cresta.

 

il sentiero tra i lastroni di porfido si inerpica verso la cima. due persone camminano
Il sentiero verso la cima - foto di Nicola Cagol

 

Lo sguardo si perde su un paesaggio lunare: roccioni grigio chiaro ricoprono tutto il pendio e non è difficile perdersi, soprattutto in caso di nebbia. La via è comunque ben tracciata con segni e ometti e ricalca il sentiero creato durante la guerra. Si giunge infine alla sassosa cima, passando vicino a resti di trincee e terrazzini scavati, da cui osservare la valle.

 

Anita e Natasha guardano il panorama dalla cima del cimon delle sute. sullo sfondo cima d'asta
Sulla cima - foto di Nicola Cagol

 

Il ritorno è previsto lungo lo stesso itinerario di andata, anche se nel caso si volesse pianificare un giro di più giorni in Lagorai, la posizione centrale raggiunta e la vicinanza a malghe e bivacchi, consentirebbe di proseguire su altri percorsi.

 

Autore: Anita Cason

Foto di Copertina: photolupi via Flickr

Alloggi ecosostenibili

B&B Agritur Airone

Levico Terme (Trento)

A partire da 70,00 €
B&B Casa sul Lago

Calceranica al Lago (Trentino-Alto Adige/Südtirol)

A partire da 70,00 €
La casa di Mauro

Mezzano (Trentino-Alto Adige)

A partire da 80,00 €
Hotel Alle Alpi Beauty e Relax

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 150,00 €
Leading Relax Hotel Maria

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 0,00 €
Costabella San Pellegrino

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 150,00 €
Residence Lastè

Moena (Trentino-Alto Adige)

Hotel Ciampian

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 55,00 €
Hotel Central Moena

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 140,00 €
Hotel Patrizia

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 64,00 €
Hotel Monza

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 90,00 €
Villa Himalaya

Moena (Trentino-Alto Adige)

A partire da 50,00 €
Agritur Maso Fior di Bosco

Valfloriana (Trentino-Alto Adige/Südtirol)

A partire da 45,00 €
Active Hotel Olympic

Vigo di Fassa (Trentino-Alto Adige)

A partire da 204,00 €
Bio B&B Mondinovo

Levico Terme (Trentino-Alto Adige)

A partire da 90,00 €