Il sentiero delle Cipolliane

Il sentiero delle Cipolliane, che si snoda sulla costa pugliese dall’insenatura del Ciolo a Novaglie, rivela tutta la bellezza del Salento, tra paesaggi meravigliosi, una ricca vegetazione e le suggestive grotte Cipolliane.
  • Tempo di percorrenza: 1 ora

  • Difficoltà: Facile

  • Perchè ci piace: È un cammino nella storia, fra la rigogliosa vegetazione della macchia mediterranea, grotte di una bellezza incredibile e la vista meravigliosa del mare. Un’esperienza davvero emozionante!

  • Lunghezza: 3 km

  • Dislivello: 100 m

  • Percorribilità: A piedi

  • Costo: 0

  • Il nostro consiglio: Il terreno è particolarmente sconnesso, per questo consigliamo l’uso di scarponcini.

Il sentiero delle Cipolliane è un itinerario campestre che parte dalle rocce imponenti dell’insenatura del Ciolo e si snoda lungo la costa, verso nord, sino ad arrivare al grazioso porticciolo di Marina di Novaglie.

Il sentiero schiude tutta la bellezza e unicità del paesaggio salentino, facendoti camminare in mezzo alla natura verde e rigogliosa della macchia mediterranea, in cui si incastrano perfettamente la potenza impressionante e selvaggia delle grotte marine delle “Cipolliane”, chiamate così per una particolare varietà di cipolle selvatiche che cresce proprio nei dintorni, e la storia di una popolazione contadina, grazie alle testimonianze di pajare, muri e costruzioni a secco. Anticamente il Sentiero delle Cipolliane, infatti, era una stradina che veniva percorsa per trasportare il sale e altre merci dalla costa alle zone più interne del territorio.

la mappa del sentiero delle Cipolliane, via Google Maps
la mappa del sentiero delle Cipolliane, via Google Maps

Inizia il tuo percorso dall’insenatura del Ciolo e immergiti in questo bellissimo panorama naturale, circondato dal mare blu del Salento. Il cammino è accidentato e bisogna stare attenti a dove si mettono i piedi, ma non sentirai fatica perchè il piacere della vista panoramica, a picco sul mare, ti riempirà il cuore di meraviglia! Inoltre l’itinerario dimostra anche un certo interesse dal punto di vista geologico: in epoca preistorica, questo territorio era infatti parte del fondale marino. A testimoniarlo sono i milioni di frammenti di conchiglie e fossili marini che si trovano nella zona, caratterizzata anche dalla presenza di grotte carsiche di una bellezza unica.

 

Camminare nella natura partendo dal Ciolo, foto via Wikipedia
Camminare nella natura partendo dal Ciolo, foto via Wikipedia

Raggiungere le grotte è semplice: a un certo punto sul sentiero ti troverai ad un incrocio, dove un cartello ti segnala le strette diramazioni che deviano dal percorso principale per raggiungere la prima grotta. Il sentiero per arrivare alle grotte è ripido e in discesa, perciò meglio appoggiarsi alle protezioni in legno che accompagnano il percorso. A questo punto giungerai all’ingresso delle grotte: cavità naturali enormi ed incredibili, fatte di pietra friabile e porosa, che custodiscono al loro interno un pezzo di storia dell’uomo. Sono infatti molte le tracce lasciate dai nostri antenati, fra cui ciottoli con incisioni particolari e dal significato ancora ignoto.

 

Torna sul sentiero principale, lungo il quale troverai alcuni punti attrezzati con panchine e tavoli da picnic per permetterti di fermarti, recuperare le energie e ammirare lo splendido panorama che hai di fronte. Ora riprendi il sentiero in direzione Novaglie e concediti un giro per il suo bel porticciolo. Da qui inizia il percorso per tornare verso il punto di partenza dell’itinerario. Attraverserai campi di uliveti accompagnati dalle caratteristiche mura, costruzioni a secco e pajare del Salento. Le pajare sono maestose costruzioni trulliformi che venivano usate come ripari temporanei o giornalieri dai contadini del passato.

 

Novaglie, foto via Wikipedia
Novaglie, foto via Wikipedia

Dirigiti verso Gagliano del Capo e, dopo aver preso una lunga strada asfaltata tra gli uliveti, prosegui per un sentiero sterrato che ti guiderà all’inizio del sentiero del Ciolo. Questa parte è più agevole della prima perchè in molti tratti il percorso è coperto da delle passerelle in legno. Cammina fra le alti pareti rocciose dell’insenatura, dove nidificano le gazze ladre che, chiamate “ciole” nel dialetto locale, danno il nome all’itinerario. Prosegui infine fino alla spiaggetta, dove potrai riposarti e rinfrescarti nelle bellissime acque blu. A lato trovi anche le scale per salire sulla strada asfaltata litoranea e camminare quindi sul famoso ponte che attraversa l’insenatura, da cui coraggiosi tuffatori si lanciano nel mare da un’altezza di trenta metri circa.

il famoso ponte che attraversa l'insenatura del Ciole, foto via Wikipedia
il famoso ponte che attraversa l'insenatura del Ciole, foto via Wikipedia

 

Ispirazione:1227-sentiero-delle-cipolliane

Foto di copertina: foto via Wikipedia

Alloggi ecosostenibili

B&B Masseria Uccio

Specchia (Puglia)

A partire da 66,00 €
Casina Spiggiano Agriturismo

Presicce (Apulia)

A partire da 45,00 €
La casa dell'ecoturista

San Cassiano (Apulia)

A partire da 60,00 €
Agriturismo Masseria Galatea

Alessano (Puglia)

A partire da 75,00 €
Callistos Hotel & Spa

Tricase (Puglia)

A partire da 0,00 €
B&B Campacavallo Salento

Tricase (Puglia)

A partire da 50,00 €
Villa Lu Ciristoi sulla scogliera

Castro (Puglia)

A partire da 140,00 €
Manfios Country Houses

Ruffano (Puglia)

A partire da 45,00 €
B&B Casakarina nel Salento

Specchia (Puglia)

A partire da 50,00 €
B&B Li Spiri

Matino (Puglia)

Agriturismo Biologico Piccapane

Cutrofiano (Puglia)

A partire da 50,00 €
IOMAMMATAeTU B&B

Alliste (Puglia)

A partire da 50,00 €
Agriturismo biologico Salos

Otranto (Puglia)

A partire da 50,00 €
La Casa degli Artisti B&B

Gallipoli (Puglia)

A partire da 80,00 €
Macchia Salentina

Gallipoli (Puglia)

A partire da 70,00 €