Un viaggio emozionante da Fabriano a L'Aquila, alla scoperta delle Terre Mutate. Oltre 200km e due intense settimane di storie in mezzo alla natura.
  • Tempo di percorrenza: Il percorso prevede 14 tappe, il tempo minimo necessario è quindi di 2 settimane
  • Difficoltà: Media
  • Perchè ci piace: Perchè non è un semplice cammino, ma anche un viaggio dedicato alla conoscenza e alla solidarietà verso queste terre, che hanno dimostrato una grande forza per rialzarsi
  • Lunghezza: 200 km
  • Dislivello: 0 m
  • Percorribilità: A piedi o in bicicletta
  • Costo: 0 €
  • Il nostro consiglio: Scoprite le città in cui vi fermate ed anche le storie di chi vi abita.

Un viaggio emozionante da Fabriano a L'Aquila, alla scoperta delle Terre Mutate. Oltre 200km e due intense settimane di storie in mezzo alla natura.

Cammino delle Terre Mutate
Cammino delle Terre Mutate

Attraversa il Parco Nazionale dei Monti Sibillini e quello del Gran Sasso, per vivere le terre scosse dai sismi. Sono terre mutate, terre in cui qualcosa è cambiato, ma tanto amate dai loro cittadini che hanno saputo trovare la forza di rialzarsi. Per conoscere loro e le loro storie, è nato il Cammino delle Terre Mutate, un viaggio di 200km supportato da numerose associazioni. Si snoda tra Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo per poter conoscere di persona la rinascita di queste terre. 

1. Fabriano - Matelica

Fabriano, cammino terre mutate
Centro di Fabriano


La prima tappa del Cammino comincia ai piedi dell'Appennino delle Marche, dal centro storico di Fabriano. Il percorso si alterna tra asfalto e sterrato, costeggiando il Monte Fano e il Monte Alto, fino al centro di Matelica. La lunghezza è di 25.5km per circa 6 ore di cammino.

Da non perdere: Eremo di San Silvestro, Borgo di Esanatoglia

2. Matelica - Camerino 

Da Matelica a Camerino
Da Matelica a Camerino

La seconda tappa riprende da Matelica e prosegue in quota verso Monte Pulischio, si attraversano numerosi paesi come Castel Sant'Angelo e Costa, per giungere a Camerino, colpito dal terremoto nel 2016. Anche oggi 6 ore e mezza di cammino, con 23.4km, con un dislivello in salita di circa 880 metri. 

Da non perdere: il bellissimo borgo di Pioraco

Alla ricerca di un'ospitalità green all'arrivo? C'è l'Agriturismo Coroncina!

3. Camerino - Fiastra

 

Lago di Fiasca cammino terre mutate
Lago di Fiasca

Terzo giorno: partenza da Camerino, per una tappa nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. L'asfalto e i sentieri si snodano su quasi 23 km da percorrere in circa 7 ore: oggi il dislivello in salita è di circa 1000m. Fiastra e il suo meraviglioso lago vi ripagheranno di ogni sforzo.

Da non perdere: la chiesa romanica di San Paolo, il Castello Malagotti e il Lago di Fiastra

4. Fiastra - Ussita

Destinazione Ussita
Destinazione Ussita, lungo il Cammino delle Terre Mutate 

La quarta si prospetta come una tappa dai mille scorci incantevoli! Altri 23 km in circa 7 ore con destinazione Ussita e la sua valle, lungo il crinale dei Monti Sibillini. Scoprirete praterie, la flora e la fauna locale e il Monte Bove.

Da non perdere: il Santuario di Macereto

5. Ussita - Campi di Norcia

Campi di Norcia, Cammino delle Terre Mutate
Verso Campi di Norcia

19 km e 6 ore e mezza nell'Alta Valle del fiume Nera. La quinta tappa affianca Monte Mareschio, Cardosa e Macchialunga, percorrendo un'antichissima via che da sempre, infine, porta a Norcia.

Da non perdere: lo storico borgo di Visso

6. Campi di Norcia - Norcia

Norcia e dintorni
Norcia e dintorni

Una tappa breve, di 9 km e con 3 ore di percorrenza, alla scoperta della Valle Castoriana e dell'Altopiano di Santa Scolastica che ci condurrà fino alla bellissima Norcia, che ancora porta i segni del terremoto.

Da non perdere: Piè del Colle, Sant'Angelo e la stessa Norcia.

7. Norcia - Castelluccio di Norcia

Castelluccio di Norcia, Cammino delle Terre Mutate
Castelluccio di Norcia

 

La settima tappa vi mosterà le bellezze dell'altopiano carsico di Castelluccio di Norcia. Si sale in quota fino al Monte Ventosola, da cui però si ammirano le cime circostanti. Destinazione finale Castelluccio, dopo 15,4 km e circa 5 ore di cammino.

Da non perdere: i campi di lenticchie BIO e IGP

8. Castelluccio di Norcia - Arquata del Tronto
Verso Arquata del Tronto, ottava tappa Cammino delle Terre Mutate

Verso Arquata del Tronto, ottava tappa

L'ottava tappa è di 19 km prevalentemente in discesa, con 5 ore di cammino. Lungo il cammino si vedono ancora le tracce del sisma, come a Pretare e Piedilama, ma la pianura d'estate si colora sempre di colori vivaci e unici.

Da non perdere: le distese verdi della pianura umbra 

Arrivati a destinazione, potete dormire al Rifugio Colle le Cese oppure al Country House Centro dei Due Parchi, due meravigliose ospitalità green.

9. Arquata del Tronto - Accumoli

Verso Accumoli, Cammino delle Terre Mutate
Verso Accumoli

Il nono giorno ci fa passare dai Monti Sibillini al Parco Nazionale del Gran Sasso. Prima su asfalto, poi tra i magici boschi, 17 km di tappa intensa, per scoprire le storie dei luoghi più colpiti dal sisma del 2016-17. 

Da non perdere: il Parco Nazionale del Gran Sasso e i Monti della Laga

10. Accumoli - Amatrice

Amatrice, Cammino delle Terre Mutate
Arrivando ad Amatrice

Verso il centro di Amatrice, distrutto dal terremoto del 2016. Siamo ormai in Lazio, per questa decima tappa da altri 17 km e 5 ore di percorrenza.

N.B.:Per percorrere questa tappa in questo periodo (Luglio-Agosto 2018) è necessario un permesso del Comune

Da non perdere: le storie dei paesi che si incontranto lungo il cammino 

11. Amatrice - Campotosto

Lago di Campotosto
Lago di Campotosto

Undicesima tappa, 11 km e meno di 5 ore: camminiamo verso Campotosto, tra le Cime della Laga, Monte Cardito e le bellezze appenniniche.

Da non perdere: il Lago di Monte Cardito e la fauna degli Appennini

12. Campotosto - Mascioni

Parco Naturale del Gran Sasso
Parco Nazionale del Gran Sasso

La 12esima tappa riparte dal Monte Cardito, avventurandosi verso la cima del Monte Coculle, dove non ci sono sentieri: serve farsi strada tra le tante ginestre! Raggiunto Monte Mascioni, si ammira lui, il maestoso Gran Sasso. Dopo questi 14 km, si arriva a Mescioni. 

Da non perdere: Poggio Cancelli, gli scorci da Monte Mascioni

13. Mascioni - Collebrincioni

Parco Nazionale del Gran Sasso
Parco Nazionale del Gran Sasso

Questa tappa è piuttosto impegnativa: si passa dalla verde pianura alle aspre rocce granitiche del Gran Sasso. 25 km e 7.5 ore di viaggio vi aspettano!

Da non perdere: l'altopiano che precede Collebrincioni

14. Collebrincioni - L'Aquila

L'Aquila, destinazione finale
L'Aquila, destinazione finale

Ultimissima tappa: in 9 km siamo arrivati alla destinazione finale, L'Aquila. Godetevi tutte le bellezze naturali durante questa passeggiata e poi entrate nel centro storico per scoprirne ogni angolo, con la sua storia.

Da non perdere: la Fonte Vecchia e il Santuario alla Madonna Fore

Per concludere questo intenso viaggio, vi aspetta Alloggi Garibaldi, una struttura eco-friendly proprio a L'Aquila.

Alloggi ecosostenibili

Antica Dimora Italiana

Ancona (Marche)

A partire da 70,00 €