Castello di Lispida

Tipico esempio di percorso rurale, questo trekking nelle campagne venete è arricchito dalla visita al Castello di Lispida, alle pendici dell'omonimo monte.
  • Tempo di percorrenza: 4 ore

  • Difficoltà: Facile

  • Perchè ci piace: Apprezzabile il tentativo di comunicare il paesaggio rurale veneto attraverso un percorso trekking

  • Lunghezza: 12 km

  • Dislivello: 11 m

  • Percorribilità: A piedi

  • Costo: 0

  • Il nostro consiglio: Da percorrere preferibilmente nelle giornate primaverili e autunnali

Mappa del percorso campestre che conduce da Battaglia Terme fino a Lispida
Mappa del percorso campestre che conduce da Battaglia Terme fino a Lispida

Percorso: principalmente su strade campestri e strade asfaltate a basso traffico, argini fluviali

Da dove partire: Viale degli Alpini, Battaglia Terme, coordinate GPS 45.291901, 11.774527

Difficoltà:  facile, lunghezza totale 12 km, dislivello totale di circa 11 m

Durata prevista: mezza giornata

Punti di interesse: idrovora Consorzio di bonifica, Castello di Lispida, Valli Selvatiche, ponte-canale di Montaigne, Battaglia Terme, Arco di Mezzo, Museo di Navigazione Fluviale

L’itinerario vuole valorizzare la bellezza della campagna veneta.

Veduta dall'alto del  castello di Lispida
Veduta dall'alto del castello di Lispida

 

Il percorso ci porta nella tenuta del Castello di Lispida, storica dimora che ospita importanti cantine. Siamo immersi in un paesaggio rurale di enorme fascino e raggiungiamo in breve il borgo di Monticelli che ospitava le abitazioni degli operai che lavoravano nelle cave di trachite del Monte Lispida. Il paesaggio stesso è un museo diffuso. Ben presto raggiungeremo l’argine del Canale di Battaglia con un curioso antico manufatto idraulico: il Ponte-Canale di Montaigne dove faremo una sosta per curiosare un po’ attorno a noi ed approfondire la storia della bonifica.

Villa Selvatico-Sartori inghiottita benevolmente da una rigogliosa natura
Villa Selvatico-Sartori inghiottita benevolmente da una rigogliosa natura

 

Cammineremo quindi sempre in pianura, sul bordo delle Valli Selvatiche, a fianco dell’elegantissima Villa Selvatico-Sartori che ci guarda con vanità dall’alto del Colle di Sant’Elena. Una volta arrivati a Battaglia Terme, insediamento rivierasco ed antico porto fluviale, andremo a scoprire un museo molto originale ed unico nel suo genere in Italia: il Museo della Navigazione Fluviale. Esso vuole salvaguardare un patrimonio trascurato e che rischia l’estinzione, quello della tradizione nautica dell’entroterra.

Autrice: Carmen Delia Gurinov

Premio letterario e fotografico "Condividi la tua Avventura Verde"

Foto copertina: Colli Euganei avvolti dalla nebbia, foto di Luigi Mengato via Flickr